CRONACA SARDEGNA - MEDIO CAMPIDANO

innovazione

Nostra Signora di Bonaria: "Più telemedicina per i cardiopatici"

Al via il monitoraggio da remoto su pazienti portatori di peacemaker o defibrillatori
nostra signora di bonaria (archivio l unione sarda)
Nostra Signora di Bonaria (Archivio L'Unione Sarda)

L'equipe di cardiologia del Nostra Signora di Bonaria controlla già oltre 180 persone grazie alla telemedicina.

Ora, per far fronte all'emergenza Covid-19, ha scelto di diffondere in modo capillare il servizio di monitoraggio remoto su pazienti portatori di peacemaker o defibrillatori.

Lo fa sapere la Assl di Sanluri nel suo sito web istituzionale.

"Negli ultimi anni - è scritto in una nota - l'equipe diretta da Gianfranco Delogu si è distinta per essere il centro in Sardegna con un più alto numero di pazienti seguiti mediante questa tecnologia d'avanguardia".

Adesso, considerata l'impossibilità di eseguire i controlli ambulatoriali tradizionali, "si sta provvedendo a inviare al domicilio dei pazienti i dispositivi per il controllo telemetrico".

Del servizio si occupa un gruppo di medici e infermieri che contattano i pazienti telefonicamente, valutano le condizioni di salute con un questionario clinico, e illustrano la tecnologia del controllo da remoto. In questo modo nessuno è costretto a spostarsi. Oltretutto, fa notare la Assl, "questo monitoraggio ci indica la presenza di aritmie, consente di capire in anticipo se il paziente svilupperà scompensi e quindi di intervenire per tempo".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...