CRONACA - ITALIA

Mafia, è morto il boss Totò Riina
La Cei: "Niente funerali in chiesa"

in alto da sinistra falcone riina e borsellino sotto la distruzione dopo l attentato di capaci
In alto, da sinistra: Falcone, Riina e Borsellino. Sotto, la distruzione dopo l'attentato di Capaci

Totò Riina è morto, poco prima delle 4, nella notte tra il 16 e il 17 novembre.

Aveva 87 anni, appena compiuti.

Il decesso del superboss è avvenuto nell'ospedale dei detenuti del carcere di Parma.

Il ministero della Giustizia ha autorizzato ieri la visita dei famigliari al capezzale del "capo dei capi" di Cosa Nostra, in coma da tempo, in seguito a due interventi chirurgici.

"Per me non sei Totò Riina, per me sei mio padre. Ti voglio bene", ha scritto il figlio Salvo su Facebook.

Arrestato nel 1993, Riina era al 41 bis, dovendo scontare 26 ergastoli.

Tra le stragi di cui si è macchiato, quelle in cui persero la vita i giudici Falcone e Borsellino e gli uomini e le donne della loro scorta, tra cui l'agente di polizia Emanuela Loi.

Aveva ancora un processo pendente, imputato per la cosiddetta trattativa tra Stato e Mafia.

La notizia dell'arresto su L'Unione Sarda del 16 gennaio 1993
La notizia dell'arresto su L'Unione Sarda del 16 gennaio 1993

Non si è mai pentito per le innumerevoli stragi e gli efferati omicidi compiuti nel corso della sua carriera criminale alla guida del clan dei Corleonesi.

Una leadership che ha mantenuto anche in carcere, nonostante il regime di massima sorveglianza, tanto che nei mesi scorsi, vista la sua pericolosità, la magistratura rigettò l'istanza di trasferimento dal carcere per motivi di salute.

PER AUTOPSIA, PM IPOTIZZA OMICIDIO COLPOSO - Per disporre autopsia il pm di Parma, Umberto Ausiello, ha ipotizzato il reato di omicidio colposo e ha aperto un fascicolo contro ignoti. Ha inoltre informato, come persone offese, la moglie di Riina Antonina Bagarella, e i figli Maria Concetta, Giuseppe, Lucia e Giovanni.

LE REAZIONI - Per Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare antimafia, "Riina è stato il capo indiscusso e sanguinario della Cosa Nostra stragista". "Quella mafia - ha aggunto - era stata già sconfitta prima della sua morte, grazie al duro impegno delle istituzioni e al sacrificio di tanti uomini coraggiosi e giusti. Non possiamo dimenticare quella stagione drammatica, segnata dal delirio eversivo di un uomo spietato, che non si è mai pentito dei suoi crimini efferati e non ha mai collaborato con la giustizia". "A noi - la chiosa - resta il dovere di cercare le verità che per tutti questi anni Riina ha nascosto".

A farle eco, il presidente del Senato Pietro Grasso: "Totò Riina, uno dei capi più feroci e spietati di Cosa nostra, è morto. La pietà di fronte alla morte di un uomo non ci fa dimenticare quanto ha commesso nella sua vita, il dolore causato e il sangue versato".

"Di fronte alla morte nessun commento", ha detto invece il pm della Direzione nazionale antimafia Nino Di Matteo, da anni sotto scorta per le minacce ricevute proprio da Riina.

CEI: "NIENTE FUNERALI PUBBLICI" - "Funerali pubblici per Totò Riina? No, la posizione della Chiesa è chiarissima". Risponde così don Ivan Maffeis, portavoce della Cei, alludendo alla scomunica del Papa ai mafiosi.

"Per noi - aggiunge - la solidarietà alle vittime e ai parenti delle vittime è di massima importanza e basterebbe questo a dire da che parte sta la Chiesa. Noi prima di tutto pensiamo a quante persone sono morte per non cedere al peso della criminalità, per non piegarsi. Poi c'è tutto un discorso di contrasto attivo alla mafia che noi ci impegniamo a fare cercando di educare le coscienze. Servono segnali concreti, come l'opera di Libera, il coinvolgimento dei giovani e delle piazze".

"Se i familiari lo chiederanno - ha aggiunto monsignor Michele Pennisi, vescovo di Monreale - si valuterà di fare una preghiera privata al cimitero".

(Redazione Online/l.f.)

RIINA, LA CARRIERA CRIMINALE - VIDEO:

morto a 87 anni appena compiuti salvatore riina
È morto, a 87 anni appena compiuti, Salvatore Riina
boss dei corleonesi diventato capo indiscusso di cosa nostra dopo la guerra di mafia degli anni 80
Boss dei corleonesi, è diventato capo indiscusso di Cosa Nostra dopo la guerra di mafia degli anni '80
il paese natale del boss
Il paese natale del boss
la prima strage che lo vede protagonista del 1969 in viale lazio a palermo per uccidere il boss rivale michele cavataio
La prima strage che lo vede protagonista è del 1969, in viale Lazio a Palermo per uccidere il boss rivale Michele Cavataio
l altro boss dei corleonesi bernardo provenzano
L'altro boss dei corleonesi, Bernardo Provenzano
sua moglie ninetta bagarella
Sua moglie, Ninetta Bagarella
tommaso buscetta si pentito e ha svelato a falcone la struttura verticistica di cosa nostra dopo che riina gli aveva sterminato la famiglia
Tommaso Buscetta, si è pentito e ha svelato a Falcone la struttura verticistica di Cosa Nostra dopo che Riina gli aveva sterminato la famiglia
nel 1992 la strage di capaci nella quale fu ucciso giovanni falcone assieme alla moglie e tre agenti della scorta
Nel 1992 la strage di Capaci, nella quale fu ucciso Giovanni Falcone assieme alla moglie e tre agenti della scorta
due mesi dopo la strage di via d amelio in cui morirono paolo borsellino e cinque agenti della scorta
Due mesi dopo la strage di via D'Amelio, in cui morirono Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta
giovanni falcone e paolo borsellino
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
emanuela loi sarda mor nella strage di via d amelio mentre faceva la scorta a paolo borsellino
Emanuela Loi, sarda, morì nella strage di via D'Amelio mentre faceva la scorta a Paolo Borsellino
la prima pagina de l unione sarda dopo l arresto di riina
La prima pagina de L'Unione Sarda dopo l'arresto di Riina
i carabinieri lo portano in tribunale
I carabinieri lo portano in tribunale
il boss non si mai pentito
Il boss non si è mai pentito
il figlio salvo riina
Il figlio Salvo Riina
di

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...