FOTOGALLERY - SPORT

Doha, maratona donne in condizioni quasi impossibili

I mondiali di atletica con temperature e umidità elevatissime
a destra ruth chepngetich la vincitrice (ansa)
A destra Ruth Chepngetich, la vincitrice (Ansa)
soccorsi a giovanna epis
Soccorsi a Giovanna Epis
un atleta colta da malore
Un'atleta colta da malore
ruth chepngetich
Ruth Chepngetich
la vincitrice
La vincitrice
alcune atlete
Alcune atlete
caldo e umidit hanno reso quasi impossibile la maratona femminile
Caldo e umidità hanno reso quasi impossibile la maratona femminile
di

Atlete che si sentono mancare, altre che svengono. A Doha, in Qatar, dove si svolgono i mondiali di atletica, le temperature e l'umidità rendono difficile la competizione.
L'italiana Sara Dossena è infatti svenuta, altre colleghe si sono ritirate e anche sugli spalti il pubblico è risicato.
Le maratonete sono partite a mezzanotte con 32,7 gradi e umidità del 73%. Tanta la fatica e tanti anche le polemiche per le condizioni probitive.
L'unica a sorridere è stata la vincitrice, la keniana Ruth Chepngetich - che si è imposta col tempo di 2h32:43, il tempo più alto nelle 17 edizioni del Mondiale. Per questo risultato, ha spiegato, si è allenata per mesi sotto il sole cocente.
La Dossena, intanto, si è sentita male al 12esimo chilometro, Giovanna Epis - altra azzurra in gara - al 28esimo.
(Unioneonline/s.s.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...