FOTOGALLERY - CRONACA ITALIA

#AccaddeOggi: 6 novembre 2007, muore Enzo Biagi

Dodici anni fa il giornalismo perdeva una delle sue voci più autorevoli
accaddeoggi 6 novembre 2007 muore enzo biagi
#AccaddeOggi: 6 novembre 2007, muore Enzo Biagi
con la moglie lucia ghetti negli anni quaranta
Con la moglie Lucia Ghetti, negli anni Quaranta
con silvio berlusconi prima del cosidetto editto bulgaro
Con Silvio Berlusconi, prima del cosidetto "editto bulgaro"
la notizia della morte in prima pagina su l unione sarda
La notizia della morte, in prima pagina su L'Unione Sarda
l italia saluta un grande cronista il titolo dell articolo dedicato alla morte nelle pagine interne
"L'Italia saluta un grande cronista", il titolo dell'articolo dedicato alla morte nelle pagine interne
(foto wikipedia)
(Foto Wikipedia)
di

Dodici anni fa il giornalismo italiano perdeva una delle voci più libere e autorevoli.
Quella di Enzo Biagi, morto a Milano il 6 novembre 2007, all'età di 87 anni.
Nato nel 1920 a Pianaccio di Lizzano, in provincia di Bologna, Biagi è stato una delle penne più importanti del Novecento.
Negli anni la sua firma ha lasciato il segno su tutte le più grandi testate italiane, sia quotidiane che periodiche, da Epoca a L'Europeo, dal Corriere della Sera a Repubblica, passando per Il Resto del Carlino (giornale dove esordì giovanissimo) e La Stampa.
Significativa anche la sua attività di giornalista televisivo: per anni ha condotto la rubrica Il Fatto, sulla Rai, senza mai lesinare critiche alla politica.
Tristemente celebre è rimasto l'editto "bulgaro", con il quale venne messo alla porta proprio dalla televisione pubblica, perché "sgradito" all'allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Biagi ha sempre fatto del giornalismo una sorta di missione sociale, come ebbe a dire lui stesso, con parole chiare ed eloquenti: "Ho sempre sognato di fare il giornalista, lo scrissi anche in un tema alle medie: lo immaginavo come un 'vendicatore' capace di riparare torti e ingiustizie". E ancora: "Considero il giornale un servizio pubblico come i trasporti pubblici e l'acquedotto. E prometto di non mandare nelle vostre case acqua inquinata".
(Unioneonline/l.f.)
Novembre 2019
Ottobre 2019
Settembre2019

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...