CRONACA - ITALIA

viminale

Terrorismo, espulso il complice tunisino che ospitò Anis Amri

Si tratta del primo rimpatrio dopo l'emergenza Covid
anis amri (archivio l unione sarda)
Anis Amri (archivio L'Unione Sarda)

E' stato rimpatriato in Tunisia con un volo speciale, in esecuzione del provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale adottato dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese per motivi di sicurezza dello Stato, Montassar Yaakoubi, complice del terrorista tunisino Anis Amri - autore della strage al mercatino di Natale di Berlino del 19 dicembre 2016 in cui morirono 12 persone, tra cui l'italiana Fabrizia Di Lorenzo - che ospitò prima che si trasferisse in Germania.

Lo fa sapere il Viminale.

Si tratta della prima esecuzione di un provvedimento di espulsione di un soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato da quando i rimpatri sono stati sospesi in assenza di collegamenti esteri per l'emergenza epidemiologica da coronavirus.

Salgono così a 482 le espulsioni e gli allontanamenti eseguiti dal 2015 (147 emesse dal ministro dell'Interno, 256 dal prefetto, 71 dall'autorità giudiziaria e cinque per riammissione "procedura Dublino", tre respingimenti).

Nel 2019 gli allontanamenti eseguiti sono stati 98, 126 nel 2018, 105 nel 2017, 66 sia nel 2016 che nel 2015. Gli allontanamenti eseguiti nel 2020 sono 21 (quattro con provvedimento del ministro dell'Interno, 15 del prefetto, uno dell'autorità giudiziaria e uno per riammissione "procedura Dublino").

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}