CRONACA - ITALIA

il raid

"Gramsci gay", imbrattato il murale dell'intellettuale sardo

È successo a Turi, la città dove il fondatore del Pci è stato rinchiuso in carcere dal regime fascista
il murale imbrattato (foto fb)
Il murale imbrattato (foto Fb)

Raid vandalico sul murale di Antonio Gramsci a Turi, in provincia di Bari.

Sulla fronte dell'intellettuale di Ales è spuntata la scritta "gay" a caratteri cubitali, con la vernice rossa.

Un episodio tanto più grave se si considera che proprio qui il fondatore del Partito Comunista e dell'Unità è stato detenuto del regime fascista, a partire dal 1926, e proprio qui iniziò la stesura dei "Quaderni dal carcere" mentre le sue condizioni di salute si aggravavano irrimediabilmente.

A segnalare e diffondere la notizia la pagina Facebook Retake Bari, un movimento no-profit che parte dai cittadini: "Gli amici di Turi ci segnalano l’ennesimo atto vandalico - scrivono in un post -. Siamo in Largo Pozzi e tutto ciò non ha bisogno di ulteriori commenti. Siamo disponibili ad aiutarvi. Chiunque voglia e possa aiutarci è benvenuto. Ci auguriamo che da qui possa nascere Retake Turi, difendiamo questa città stupenda e la sua storia".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...