FOTOGALLERY - CULTURA

C'era una volta il manicomio: Cagliari, gli orrori di Villa Clara

manicomi: villa clara
uno scatto del reportage realizzato a met anni 70 da josto manca negli edifici di villa clara a cagliari
Uno scatto del reportage realizzato a metà anni '70 da Josto Manca negli edifici di Villa Clara a Cagliari
gli esterni della struttura
Gli esterni della struttura
i pazienti non pericolosi in un corridoio della struttura
I pazienti "non pericolosi" in un corridoio della struttura
l ora d aria a villa clara
L'ora d'aria a Villa Clara
la foto simbolo del reportage di josto manca nell ala femminile del manicomio
La foto simbolo del reportage di Josto Manca nell'ala femminile del manicomio
il refettorio
Il refettorio
i degenti di villa clara durante una gita
I degenti di Villa Clara durante una gita
i cancelli di villa clara
I cancelli di Villa Clara
l ala maschile con pazienti di tutte le et
L'ala maschile con pazienti di tutte le età
il momento del pranzo
Il momento del pranzo
l abbraccio di un infermiera a una paziente
L'abbraccio di un'infermiera a una paziente
di

A metà anni '70 il fotografo de L'Unione Sarda Josto Manca e il giornalista Giorgio Pisano entravano nei corridoi dell'allora manicomio cagliaritano di Villa Clara per un'inchiesta sulle morti sospette di tre degenti. Lo fecero in punta di piedi, toccati nel profondo dalle condizioni di degrado e alienazione dei pazienti e ne uscì un delicato reportage fotografico, rispettoso di quelle anime perse e umiliate.
Poi, tanti anni dopo, i figli di Josto Manca rispolverarono gli scatti di Villa Clara e tanti altri realizzati dal fotografo negli anni, e la Provincia di Cagliari e L'Unione Sarda decisero di realizzare la mostra fotografica "L'occhio della cronaca".
Una testimonianza cruda di una realtà oggi inimmaginabile, proprio grazie alla rivoluzione imposta dalla legge Basaglia nel 1978, che ridiede dignità di esseri umani ai malati psichiatrici e fece capire che nessuna "cura" o riabilitazione sarebbe mai arrivata da luoghi come i manicomi.
Villa Clara fu chiusa definitivamente nel 1998, dopo aver ospitato fino a 1800 pazienti - anche se era stata
creata per una massimo di 500 persone - tra cui c'erano sì malati psichiatrici, ma anche alcolizzati, omosessuali, bambini indesiderati o affetti da malformazioni.
Di questo luogo di dolore resta oggi solo il ricordo, dopo che la struttura è stata recuperata ed è diventata parte della locale Cittadella della salute.
(Unioneonline/b.m.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...