CRONACA - ITALIA

Malato di videogiochi a 14 anni, il tribunale dei minori lo toglie alla famiglia

immagine simbolo
Immagine simbolo

Il tribunale dei minori di Brescia ha disposto l'allontanamento dalla famiglia di un 14enne di Crema (Cremona), giudicato affetto da dipendenza dai videogiochi, affidandolo a una comunità.

Da due anni - ovvero da quando la madre, abbandonata dal marito, ha chiesto aiuto ai servizi sociali - il ragazzo è seguito da neuropsichiatri infantili e a scuola da un insegnante di sostegno.

Dall'inizio del nuovo anno scolastico però il 14enne, che frequenta la terza media, ha fatto sempre più assenze, risucchiato a casa dalla sua ossessione per i videogame.

Un comportamento per il quale i servizi sociali hanno ritenuto responsabile la madre, accusata di negligenza. Si sono così rivolti al giudice, che ha emesso il provvedimento di allontamento dall'abitazione e di nuova sistemazione in comunità del minore che - secondo il decreto - "versa in uno stato di forte dipendenza dai videogiochi con conseguente disinvestimento e distacco dalla realtà circostante, senza alcun tipo di controllo e protezione da parte della madre, inadempienza scolastica ed isolamento sociale".

Ora il ragazzo ha scritto una lettera al tribunale, chiedendo al giudice di tornare sui suoi passi e comunicandogli di aver venduto la sua "console".

(Redazione Online/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}