Cultura » Sardegna

La pittura sarda perde Sisinnio Usai

Sabato 24 Marzo alle 19:36 - ultimo aggiornamento alle 20:12


Il pittore Sisinnio Usai

Linee taglienti e colori accesi. Una pittura fatta di ombre e illuminazioni con rimandi figurativi e letterari. Anche scultore e illustratore. Fra i tanti manifesti commissionati per le maggiori manifestazioni folcloristiche, culturali e commerciali regionali, da ricordare quelli per la Discesa dei Candelieri. Sisinnio Usai è morto venerdì sera.

Classe 1950, nato nell'isola dell'Asinara, si è formato all'Istituto d'Arte di Sassari con insegnanti del calibro di Gavino Tilocca e Stanis Dessy.

Una delle opere nata dal pennello di Usai
Una delle opere nata dal pennello di Usai

L'attività espositiva inizia a Sassari nel 1971, e la prima mostra personale è presentata in catalogo da Mario Delitala. Dal 1979 al 1981 illustra i racconti di Enzo Espa pubblicati su libri, quotidiani e periodici. Dal 1988 collabora con la rivista Caddhos e Soter Editrice con illustrazioni grafiche e pittoriche.

Negli anni ottanta e novanta gli vengono affidati più volte i manifesti per le manifestazioni isolane più importanti.

Dal 1992 insegnava Anatomia Artistica presso l'Accademia di Belle Arti di Sassari e dal 2010 era Direttore del Dipartimento di Arti Visive.

Da docente aveva curato diverse mostre con gli studenti dell'Accademia Sironi. Di grande successo quella di due anni fa dal titolo "FABER-L'Accademia racconta De André" che ha particolarmente emozionato Dori Ghezzi, la moglie del cantautore.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook