Cultura » Ittiri

Toiedda Meloni, la rivoluzionaria di Ittiri

Lunedì 13 Novembre 2017 alle 17:45


Toiedda Meloni

La figura di una donna coraggiosa e rivoluzionaria. Che non avrebbe mai accettato di piegarsi al volere dei superiori, nel rispetto dei diritti dei lavoratori e della dignità.

***

Antonia Meloni, più nota come "Toiedda", nasce a Ittiri il 24 gennaio 1925. Il suo nome risuona ancora nei convegni sulle battaglie agropastorali del secondo dopoguerra, e numerose sono le poesie a lei dedicate. Eppure, proprio nel suo paese, nessuna via o piazza ne porta il nome.

Toiedda, figlia di contadini, deve concludere i suoi studi con la prima elementare: il suo posto, secondo la cultura dell'epoca, è infatti a casa, quale "seconda madre" per i suoi fratelli.

Dai Meloni si respira tuttavia la politica: il padre è consigliere comunale socialista, cosa che in epoca fascista significa vivere sorvegliati a vista. E in lei si sviluppa ben presto il senso della giustizia, che non la abbandonerà mai sul lavoro conferendole una dignità e un'autorevolezza come poche altre donne del suo status.

Ancora bambina trova impiego come raccoglitrice di olive, ribellandosi per la misera paga all'autorità dei padroni. Diventerà così un modello, anche in seguito, per le ragazze più giovani, che la seguono passo passo in qualsiasi scelta relativa ai diritti dei lavoratori.

Due aneddoti dicono molto della personalità di Toiedda: il primo riguarda il salvataggio di un soldato americano in fuga dai fascisti nelle campagne di Sassari, che riesce a mettersi in salvo grazie all'impavida Toiedda capace di distrarre l'attenzione delle guardie; il secondo è relativo ad un episodio accaduto in occasione della festa patronale, dove Toiedda lancia dei sassi contro i carabinieri intenti ad arrestare un tale con l'accusa – secondo Toiedda fuori luogo - di aver rubato dei fichi d'India.

A 18 anni smette di lavorare nei campi perché si ammala di tubercolosi, facendosi scattare una foto per avere l'immagine da apporre sulla tomba: riuscirà tuttavia a guarire, e nel 1946 festeggia la liberazione in piazza d'Italia a Sassari insieme alle amiche.

Sposa quindi l'ideologia del partito comunista, diventando nel 1947 la responsabile femminile della sezione di Ittiri.

Negli anni Cinquanta è fra gli organizzatori in Sardegna della rivolta dei braccianti agricoli, occupandosi della raccolta dei viveri occorrenti al periodo di agitazione. Si farà arrestare spontaneamente durante una rivolta per evitare, con la sua cattura, l'arresto di altri attivisti. Ne seguono tre mesi e ventidue giorni di carcere, che si concludono con una cartolina a lei indirizzata e firmata da tutti i detenuti del carcere: "Carissima Toiedda Meloni, con la tua uscita le mura di San Sebastiano si sono spente. Continua con le lotte, noi ti saremo vicini".

La militanza le offre quindi l'opportunità di conoscere i maggiori esponenti della politica di quegli anni, fra cui Velio Spano, Nilde Jotti, Palmiro Togliatti, Enrico Berlinguer e molti altri. Una grande soddisfazione sarà omaggiare Stalin, per i suoi 70 anni, con un tappeto da lei lavorato al telaio.

Negli anni Cinquanta si trasferisce a Lione al seguito di Antonio Pinna, suo compaesano di vent'anni maggiore. Insieme aprono una salumeria, e dall'amore di quegli anni nasce la figlia Jeanne Marie.

Ritornata a Ittiri a seguito di una malattia del marito, muore il 14 ottobre 2008 all'età di 83 anni. Il suo lascito alle generazioni future è quello di schierarsi sempre, e di non restare mai indifferenti di fronte alle ingiustizie della vita.

***

La storia completa nel volume "Sardegna al femminile" disponibile nello store online a questo link

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

10 commenti

  • wing1250 03/01/2018 22:43:43

    buon anno anche a te, rosalux! ps la critica era rivolta alle idee, omaggiare stalin non posso sentirlo , non alla buona fede della persona. bastasse quella davvero il mondo sarebbe più facile da vivere non è così , purtroppo
  • rosalux 31/12/2017 08:27:29

    Se ci fossero tante donne "assai poco commendevoli" come Toiedda credo che il mondo sarebbe migliore. Buon Anno wing!
  • wing1250 30/12/2017 13:57:38

    donna assai poco commendevole.
  • Tessitore 29/11/2017 12:15:33

    Mi pare evidente che, si sia usciti un pò fuori tema, si è passati dal commentare l'omaggio tessuto da Toiedda per Stalin, alle lezioni di storia imbevute di comunismo e agli attestati di garanzia. Poco male, Toiedda sicuramente, sarà venuta poi a conoscenza di che razza di sanguinario fosse stato il suo idolo ,se si trovasse ancora, sarebbe stato interessante chiedergli cosa ne pensava.
  • Macomerese53 27/11/2017 21:47:17

    Signor Mario Sconamila, non tollero il suo commento. Lei insulta il pensiero dei miei conterranei. Di Tessitore non posso garantire gran che, ma Giano scrive commenti intelligenti e veritieri e, come può notare anche lei, denotano una cultura di alto livello. Si studi lei un po' di storia.
  • sardinia 27/11/2017 18:21:16

    Giano e Tessitore: vi scongiuro, studiate la Storia! Provate a seguire il discorso che il vostro eroe Benito Mussolini faceva alle truppe italiane che partivano per invadere prima l'URSS e in contemporanea la GRECIA e poi la JUGOSLAVIA: dovevano DISTRUGGERE e ANNICHILIRE militari e civili che incontravano. E finché possibile, lo fecero. Studiate cosa combinarono le nostre truppe in Jugoslavia, per esempio. Non sapete nulla della Storia, solo imbevuti di Fascismo. Mario Sconamila.
  • iskander66 27/11/2017 11:56:37

    @ Tessitore Ti ricordo che i prodi militari italiani in Russia ci sono andati per invaderla. E sono stati trattati di conseguenza.
  • Tessitore 24/11/2017 15:05:31

    Giano, condivido in toto il tuo commento. Anch'io avevo mandato un commento dello stesso genere, ricordando i soldati Italiani prigionieri nei gulag di Stalin. Togliatti che era al corrente di quanto accadeva si guardò bene da muovere un dito in loro favore e lo lasciò a morire di stenti e di freddo.
  • Giano 23/11/2017 11:23:38

    Certo che lavorare al telaio un tappeto per omaggiare Stalin è un atto di cui essere orgogliosi. Un po' come quando Napolitano giustificava l'invasione dei carri armati russi a Budapest. Quando scoprirete anche qualche "rivoluzionaria" che non sia comunista e anti fascista, informateci; così, per curiosità.
  • rosalux 15/11/2017 13:40:43

    Una Donna Meravigliosa. La qualità più grande che un essere umano può avere è il senso della giustizia e Lei era una Donna giusta, coraggiosa e altruista. Trovo però assurdo che il Suo paese non l'abbia onorata come merita e spero che al più presto ponga rimedio a questa grave negligenza.