Cultura » Sardegna

"La Sardegna? Primo centro del mondo antico". La nuova tesi di Sergio Frau

Giovedì 10 Agosto 2017 alle 15:36 - ultimo aggiornamento Giovedì 10 Agosto 2017 alle 17:44


Sergio Frau

Dopo 15 anni Sergio Frau doppia le sue Colonne d'Ercole e torna in libreria - una speciale anteprima sarda rispetto al programma di distribuzione nazionale che partirà a settembre - con una ponderosa inchiesta sul passato, stavolta finalizzata a dimostrare che la Sardegna non ha solo le carte in regola per poter essere identificata con l'Isola-mito di Atlantide. Le ha anche per collocarsi, rispetto alle cosmogonie del passato, da Oriente a Occidente, al centro del mondo antico, come ombelico o asse portante.

Omphalos o Axis mundi, per dirla nelle lingue e coi simboli a cui i classici ricorrevano per tradurre la loro geografia. Il mulino di Amleto, sprofondato negli abissi e costretto a macinare sabbia, se si preferisce invece attingere alle saghe nordiche.

L'ipotesi - che il suo teorizzatore definisce "ragionevole dubbio" - è stata già anticipata dal giornalista di Repubblica nella mostra che, inaugurata ad aprile all'aeroporto di Elmas, sarà visitabile sino a ottobre.

IL VOLUME - Intitolato "Omphalos. Il primo centro del Mondo. Il Paradiso che divenne Inferno..", come il bestseller in cui Frau avanzò l'ipotesi rivoluzionaria che identifica l'isola di Atlantide con la Sardegna, è edito da Nurneon. Sono 1152 pagine, stavolta. Quasi il doppio rispetto a quelle che componevano "Le Colonne d'Ercole, un'inchiesta" (672 pp.) e su cui il colosso appena pubblicato dichiara, non potendo prescindere dal quadro indiziario già esposto, di reggersi.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user233874 14/09/2017 20:20:39

    ATLANTIDE = SARDEGNA? . . .Solo chi ha vissuto allora (10.950 A.C. circa) lo poteva sicuramente sapere............Oggi è molto difficile ricostruire una storia di un'epoca tanto remota. .Forse per poter districare il “mistero di Atlantide” ci possono aiutare gli insegnamenti e la sapienza dell’ultimo Maestro dei tempi “moderni”, René Guénon. Guénon scrive in un suo libro che gli “antichi” quando parlavano di antichissime civiltà e luoghi “sacri” come appunto Atlantide o l’isola di Tula, non si riferivano ad
  • sardusnepos 13/08/2017 21:07:27

    Già "le colonne d'Ercole" era senza note e bibliografia, tranne i "FORUM". Maliziosamente, credo che sia proprio per rendere più difficile la verifica. Peccato perché attinge e libri seri e belli. Se avesse anche esaminato i dati di scavo dei nuraghi già indagati, ampiamente pubblicati, ci avrebbe risparmiato la balla dello tsunami. Lui finge che i dati archeologici non esistano, perché sa che lo sbugiardano. Si può parlare di monumenti archeologici senza i dati scientifici degli scavi?
  • user233046 11/08/2017 16:45:49

    Non sono un'archeologa, non ce l'ho con Frau, anzi sono stata una delle sue più grandi fan quando, ben 15 anni fa, ha pubblicato "Le colonne d'Ercole". Da allora l'ho seguito nelle conferenze, nelle mostre ed aspettavo con impazienza la sua opera. Beh, ora che ce l'ho tra le mani ed ho 30 euro in meno nel portafogli, noto che il libro sembra impaginato da un bambino, è privo di note e bibliografia... Un amore finito. Insomma, un paradiso che divenne inferno...