Cronaca » Provincia di Genova

La nefasta previsione: "Quel ponte crollerà tra dieci anni"

Mercoledì 15 Agosto alle 11:18 - ultimo aggiornamento alle 12:43


I momenti immediatamente successivi al crollo

La sinistra profezia risale al 2012. Oggi potrebbe apparire cinica, ma è scritta nero su bianco. Sulle pagine del Secolo XIX e nei verbali delle sedute del consiglio comunale di Genova.

Giovanni Calvini, all'epoca presidente della Confindustria locale a fine mandato, è furioso. Ce l'ha con chi si oppone alla realizzazione della Gronda di Ponente, opera infrastrutturale fondamentale per snellire il traffico sul Ponte Morandi.

"Perché guardi, quando tra dieci anni il Ponte Morandi crollerà, e tutti dovremo stare in coda nel traffico per delle ore, ci ricorderemo il nome di chi adesso ha detto no alla Gronda", tuona Calvini sulle pagine del quotidiano genovese.

Il ponte è crollato prima, dopo sei anni appena, e ha portato via con sé decine di vite umane. Il traffico e le ore di coda che dovranno sopportare i genovesi sono un contorno quasi ininfluente rispetto alla strage di ieri mattina.

E quelle parole oggi risuonano nelle orecchie di chi da anni denuncia la fragilità del viadotto e la necessità di soluzioni alternative. Così come risuonano quelle dette nel consiglio comunale del 4 dicembre 2012, quando si discute proprio delle parole di Calvini e prende la parola Paolo Putti, consigliere comunale M5S che, come tutti i pentastellati, si oppone alla realizzazione della Gronda e sta con i comitati del No.

"Il mio unico interesse è fare il bene della comunità in cui vivo, e tra quelle persone ci sono anche imprenditori che fra 10 anni andranno a chiedere come mai si sono sperperati 5 miliardi di euro (per la Gronda, ndr) che si potevano usare per fare cose importanti per l'industria. E magari questa persona (Calvini, ndr) dovrebbe, prima di utilizzare questo tono un po' minaccioso, informarsi. A noi Autostrade ha detto che per altri 100 anni il ponte può stare in piedi", dichiara in Aula il pentastellato.

La questione Gronda è da anni al centro di un dibattito a Genova. Tra i favorevoli, che portano come ragione proprio l'instabilità del Ponte Morandi, e i contrari riuniti nei comitati No Gronda che hanno trovato sponda politica nel Movimento 5 Stelle. Proprio sul blog pentastellato nel 2013 appariva un post sulla "favoletta dell'imminente crollo del Ponte Morandi".

Dibattito che ritorna di prepotenza all'ordine del giorno. E non imbarazza i pentastellati che oggi vogliono togliere le concessioni a Autostrade per l'Italia, ma qualche anno fa usavano proprio le affermazioni della società della famiglia Benetton per opporsi alla realizzazione della Gronda.

Tanto che il ministro Toninelli attacca su Facebook: "È impensabile, oltre che ignobile, collegare il crollo del ponte Morandi alla messa in discussione della realizzazione della Gronda di Genova, su cui è in corso un’analisi costi-benefici. Si tratta di un’opera che non costituisce una soluzione sostitutiva rispetto al viadotto sull’A10. E che comunque sarebbe pronta nel 2029. Ora basta sciacallaggio, noi vogliamo le grandi opere utili. E pensiamo soprattutto a rendere sicura questa nostra malridotta Italia".

(Unioneonline/L)

IL CROLLO:

LE IMMAGINI DELLA TRAGEDIA:

I VOLTI DELLE VITTIME:

L'ATTACCO A AUTOSTRADE PER L'ITALIA:

 
danilo toninelli e luigi di maio
M5S all'attacco: "Revocare concessione a Autostrade, si dimettano i vertici"

LE STORIE DELLE VITTIME:

 
ersilia piccinino roberto robbiano e il figlio samuele
Samuele, mamma e papà: quel traghetto mai preso per la Sardegna

L'EX PORTIERE DEL CAGLIARI:

 
davide capello
L'ex portiere del Cagliari: "Per un istante ho pensato: sono morto"

LE REAZIONI DALL'ITALIA E DAL MONDO:

 
i soccorritori sul luogo della tragedia
"Dolore e cordoglio": le reazioni dall'Italia e dal mondo

LA SOLIDARIETÀ DELLA GIUNTA PIGLIARU:

 
i pompieri nel luogo del disastro (foto ansa)
Tragedia a Genova: "La Protezione civile della Sardegna pronta a dare una mano"

LA STORIA DEL PONTE:

 
il viadotto morandi a genova foto kristian hasenj ger retrofutur org
Un ponte, una storia: un simbolo della città

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • user239708 16/08/2018 13:26:06

    @deddeddu io invece sono schifato da quelli che si lamentano della casta ma non fanno nulla per cambiare, da quelli che vanno dal dentista e che non si fanno fare la fattura per uno sconto, sono schifato da quelli che non emettono scontrini, sono schifato da quelli che fanno la manutenzione alle strade dichiarandole agibili e poi succedono questi disastri, mi fanno schifo gli operai che lavorano in condizioni pessime solo per salvaguardare 1000 euro di stipendio! qualche differenza c è vero?
  • Pedron 16/08/2018 00:14:25

    Chissà qual’è la forza politica che ha regalato ai Benetton le autostrade
  • barolus 15/08/2018 22:59:00

    Benetton dava informazioni fuorvianti e non veritiere, che ingannarono molte persone, anche nel consiglio comunale di Genova. Essere contro il Gronda poi, era il progetto stesso che invitava alla prudenza, davanti al dissesto geologico che avrebbe causato, in aggiunta a quello naturale del territorio. I responsabili sono e restano comunque chi doveva monitorare e garantire la sicurezza. Troppo facile adesso fare ogni tipo di strumentalizzazione per screditare poi chi non centra nulla.
  • Antoniu 15/08/2018 21:19:33

    il tentativo degli organi di informazione di mettere in relazione il destino del ponte e il M5S è ridicolo e svela ancora una volta come i giornali tentino di fare opera attiva di convincimento delle persone (altro che il fantomatico bombardamento di tweet dei troll russi!). Peccato che oggi trovino una opinione pubblica molto più smaliziata e questi tentativi non fanno che consolidare i voti delle ultime politiche.
  • ddeddeddu 15/08/2018 19:58:09

    Sono schifato... Sono schifato dai vostri commenti di chi attacca e diffende coloro (e son sempre quella casta) che ci mangia la pastasciutta in testa e sono schiffato da chi non ascolta gli esperti... Politici messi li solo perche hanno tirato le giacchette giuste e che trattano del tutto e del niente perche questo sono e i professionisti con tanto di studi alle spalle derisi... Sembra di rivivere il processo e le accuse a Gallilei
  • ienaridens 15/08/2018 14:03:02

    i 5 stalle son la delusione e il disastro dell'italia
  • user239708 15/08/2018 13:30:24

    ah ho capito, adesso la colpa diventa dei 5s perché, grazie ai dati ricevuti da Autostrade per l Italia dove dichiaravano che il ponte fosse in sicurezza, hanno detto anni fa che non era il caso di buttare soldi in un altra opera! Ovviamente se chi gestisce una qualsiasi infrastruttura dichiara che è a norma, la colpa è solamente di chi la gestisce! Cosa non si fa per buttare fango quando alle elezioni hanno preso schiaffi!