Ciclismo Triathlon

Ciclismo, mondiale per scalatori. Nibali su Aru: "Sicuri sia convocabile?"

Mercoledì 05 Settembre alle 11:16 - ultimo aggiornamento alle 14:12


Fabio Aru e Davide Cassani

Sta correndo la Vuelta spagnola con discreti ma non ottimi risultati (undicesimo in classifica generale, ma a poco più di un minuto dal leader della corsa) e sta smaltendo la delusione del Giro d'Italia.

Ma nella testa di Fabio Aru c'è Innsbruck, il mondiale su strada che si disputerà il 30 settembre.

Mai come quest'anno una prova adatta al ciclista villacidrese, visto che parliamo di una gara in salita.

"Ho visto Davide Cassani e abbiamo parlato del Mondiale, è il grande obiettivo di questa seconda parte di stagione. Arriva a due settimane dalla Vuelta, quindi sarà molto importante restare concentrati e non 'sgarrare' nel periodo che va da Madrid a Innsbruck".

La Vuelta finisce il 15, il 23 inizia il raduno degli azzurri sul Garda, a Torbole. "Tra Vuelta e Torbole pensavo di inserire almeno un giorno di competizione, vedremo in base a come finirà la gara spagnola".

Che Aru sia uno degli uomini di punta della comitiva italiana, in un mondiale che si gioca tutto in salita, è ovvio. Come ha ribadito anche il ct Davide Cassani: "È uno dei migliori che abbiamo in salita. Mi sembra mi manchi qualcosa, la 'sparata', il fuorigiri, ma può trovarla con il passare dei giorni".

Ma ad accendere la miccia ci ha pensato quello che dovrebbe essere il capitano del team italiano, Vincenzo Nibali: "Sicuri che Aru sia convocabile?", ha dichiarato velenosamente due giorni fa.

Lo Squalo si riferisce a una regola introdotta due anni fa dalla Federciclismo, che prevede la partecipazione obbligatoria al Campionato italiano su strada per poter svolgere le attività con le squadre nazionali. A meno che non dimostri di essere stato malato o infortunato il giorno della corsa. Quest'anno Aru, reduce dalla delusione del Giro d'Italia, ha rinunciato al Campionato italiano.

(Unioneonline/L)

 
fabio aru (foto da instagram)
Ciclismo, Fabio Aru suona la carica: "Sono pronto per la Vuelta"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

12 commenti

  • user249292 10/09/2018 13:37:36

    sono di roma e ho sempre tifato x Fabio .Nibali si sta facendo del male da solo perchè un luogotenente, nel caso Fabio non raggiunga il massimo della forma per fine mese, gli servirebbe eccome, visto che alla vuelta nelle tappe precedenti alla crisi di ieri è stato sempre a ridosso dei primi e Cassani dvrebbe pensarci bene. Mi auguro x l'anno prossimo di vederlo volare come al tour penultimo, vale anche per il ciclismo italiano. FABIO lavora duro e resta sereno che ritornerai
  • sangiorgio 06/09/2018 23:08:13

    certamente non è stato elegante come gesto nei confronti di un collega,ma tant'è, se il regolamento è questo,non può essere cambiato in corso d'opera, ha ragione nibali,il problema è che non avrebbe neanche dovuto rimarcarlo lui, c'è un regolamento e andrebbe rispettato,ormai non si rispetta più niente,in nome dei dollari, basti pensare che naturalizzano stranieri da portare nelle nazionali per vincere più medaglie,lo fanno tutte le federazioni, è come dire che Mennea corresse per la libia!!
  • hevor 06/09/2018 13:46:37

    Atleta da panchina
  • markibb75 06/09/2018 13:07:10

    Ha ragione nibali, aru il suo apice lo ha raggiunto qndo ha vinto la vuelta,(giusto perché non c'erano big, a parte dumoilin che aveva corso meta' giro con la dissenteria) dopo di che sono stati solo attacchi di fame crisi di fame problemi di alimentazione etc.etc.no e' all'altezza stop
  • KKotik 06/09/2018 05:33:19

    Ignorare il fatto che Nibali ed Aru non siano più compagni di squadra è indice di quanto bene qualcuno segua il ciclismo e lo stesso Aru. Se c'è una regola deve essere rispettata, ma se chi genera la regola (la Federciclismo) riterrà di concedere una deroga dov'è il problema? Aru sta attraversando un momento negativo e i tifosi devono solo restargli vicino, finchè non lo superi o getti la spugna. D'altra parte, il ciclismo professionistico è così: oggi va bene e domani meno... Cun salude, KK
  • user234551 05/09/2018 22:43:03

    Nibali mi delude profondamente. Probabilmente il fatto che abbia una condizione non accettabile ( visto che è staccato di quasi un'ora in classifica) lo ha portato a fare questa affermazione. Sinceramente la trovo una grande caduta di stile da parte sua. Considerato che ha sempre rimarcato la sua amicizia con Fabio, che ha sempre speso belle parole neli suoi confronti. Ma la classe non è acqua. Vai Fabio, fregatene e dimostra chi sei. Non replicare neanche.
  • mortimermous 05/09/2018 21:17:23

    Nibali non è uno stupido e essendo un campione probabilmente ha visto i tempi o difficoltà del compagno. Se Aru non è in forma meglio non fare figure sciatte.
  • iskander66 05/09/2018 18:53:06

    Le regole sono regole e Aru non è il figlio della gallina bianca. Nibali ha perfettamente ragione.
  • user223863 05/09/2018 16:29:13

    Vincenzo Nibali è un atleta superspecializzato, se fa una dichiarazione come quella, evidentemente sa cose che noi non sappiamo sportive o extrasportive che siano.
  • sadam 05/09/2018 16:28:11

    Nibali ti prude ...., vieni in Sardegna che abbiamo la medicina ...