Economia

"Decreto Dignità, meno 8mila posti all'anno". Di Maio grida al complotto: è scontro con il Mef

Sabato 14 Luglio alle 16:39 - ultimo aggiornamento alle 19:14


Luigi Di Maio

Il decreto Dignità causerebbe la perdita di 8mila posti di lavoro l'anno.

È quanto si legge nella relazione tecnica allegata al provvedimento.

Un effetto, messo nero su bianco su un documento ufficiale, che non è passato inosservato agli addetti ai lavori, innescando polemiche.

Tra i primi a rimarcare l'anomalia (il governo che "ammette" che un decreto danneggia l'occupazione) Marco Leonardi, professore di Economia alla Statale di Milano ed ex consigliere economico della Presidenza del Consiglio.

"Il Governo confessa: decreto dignità diminuirà l'occupazione di 8000 persone all'anno per i prossimi 10 anni. Non è mai successo in questi anni che una relazione tecnica lo scrivesse nero su bianco. E non hanno tenuto conto dell'effetto delle causali perché sarebbe molto peggio".

Un tweet che è stato condiviso anche dall'ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, con un lapidario commento: "Siamo oramai al di là del bene e del male".

Il tweet di Calenda

Dal canto proprio, Di Maio grida al complotto: "Nella relazione c'è scritto che questo decreto farà perdere ottomila posti di lavoro in un anno. Quel numero, che per me non significa assolutamente nulla, è apparso nella relazione tecnica al decreto la notte prima che si inviasse al presidente della Repubblica. Non è una cosa che hanno messo i miei ministeri, non hanno chiesto i miei ministeri, e soprattutto non è una cosa che hanno chiesto i ministri della Repubblica".

"Questo decreto - aggiunge il capo politico del Movimento 5 Stelle - ha contro lobby di tutti i tipi, tanto è vero che ci è voluto un po' per farlo arrivare al Quirinale, e ringrazio il presidente della Repubblica che lo ha firmato. Il mio sospetto è che questo numero sia stato un modo per cominciare a indebolire questo decreto e fare un po' di caciara. Non mi spaventa".

Dichiarazioni che hanno però suscitato irritazione al Ministero delle Finanze.

"Le relazioni tecniche sono presentate insieme ai provvedimenti dalle amministrazioni proponenti, così anche nel caso del decreto Dignità, giunto al Mef corredato di relazione con tutti i dati".

Questa la replica del ministero a Di Maio, secondo fonti citate dalle agenzie di stampa.

"La Ragioneria generale dello Stato - si aggiunge da via XX settembre - prende atto dei dati riportati nella relazione per valutare oneri e coperture".

Una presa di posizione che ha suscitato la controreplica del ministro del Lavoro, che si è detto "sbalordito" dalla reazione del Mef.

"La prossima volta - ha aggiunto, scherzando - metterò sotto scorta il decreto quando lo mando in giro".

(Unioneonline/l.f.)

 
sergio mattarella
Mattarella firma il decreto dignità, Martina: "Invotabile"

 
il ministro di maio all uscita da palazzo chigi dopo il cdm
Approvato il "Decreto Dignità" Stretta su precari e gioco d'azzardo

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • semur 15/07/2018 23:37:12

    Steinbrueck il pop corn che si vende al san paolo è in bustine e non esce da un cilindro, al massimo da un cappellino con 5s
  • Steinbrueck 15/07/2018 16:34:30

    avanti a tutta forza,oppositori rosichiate il cilindro da dove viene estratto il popcorn
  • deronwill 15/07/2018 10:40:38

    L'hanno modificato all'insaputa del ministro (Scajola docet).
  • raiinbow6 15/07/2018 07:21:53

    Le talpe sono entrate in azione....
  • tamburello 14/07/2018 20:38:43

    Le lobby intanto crepano dal nervoso....
  • IOL 14/07/2018 20:15:52

    Leggere che un Ministro gridi al "complotto di lobby" è un fatto di gravità enorme. Diverse son le cose: o il cosiddetto Ministro FIRMA senza leggere; legge senza capire e firma perchè in fondo a dx, sotto il testo, c'è scritto IL MINISTRO, con sottolineatura dello spazio per la firma. Firma per non dimostrare la propria incapacità a reggere il peso" di due Ministeri che non è,certamente,lo stesso occorrente per reggere il cestello con ceci arrosto e semi di zucca salati.
  • user238504 14/07/2018 17:48:00

    Ma insomma se si perdono 8.000 posti di lavoro all'anno per dieci anni, a cosa serve questo decreto con la disoccupazione che abbiamo?
  • compramindi 14/07/2018 17:42:09

    Fare piazza pulita dei traditori e corrotti negli apparati strategici del paese. Alla fine ci siamo tanto indignati per le epurazioni avvenute in Turchia ma probabilmente avevano anche loro il problema di cui siamo affetti in Italia.
  • Marcolijno 14/07/2018 16:58:08

    È solo l'inizio, il ministro del lavoro che non ha mai lavorato e la sua armata di dilettanti allo sbaraglio hanno solo iniziato. Con la Lega ossessionata dall'uomo nero, il futuro dell'Italia è proprio in buone mani