Cronaca » Sassari

L'assessore Spanu: "Inseriamo i migranti nelle nostre università"

Sabato 08 Settembre alle 10:51 - ultimo aggiornamento alle 17:36


Filippo Spanu

"Con gli atenei di Cagliari e Sassari stiamo lavorando con buoni risultati per favorire l'inserimento dei migranti nel contesto degli studi universitari per acquisire conoscenze specialistiche da utilizzare successivamente, in modo proficuo, nei paesi di origine".

Così l'assessore degli Affari Generali Filippo Spanu, intervenendo all'incontro sul tema "Città, migrazioni e cooperazione internazionale" che si è svolto ieri, a Sassari, nell'Aula Magna dell'Università.

Ad ascoltarlo, tra gli altri, venti giovani richiedenti asilo, ospitati nei centri di accoglienza del Nord Sardegna e che riceveranno a breve pass accademici per poter frequentare corsi universitari.

"La Regione - ha aggiunto Spanu - ha da tempo avviato una programmazione strutturata per la gestione del fenomeno migratorio attraverso il Piano per l'accoglienza dei flussi non programmati". "Continuiamo a dare impulso alle azioni finalizzate all'inclusione dei migranti con le attività di volontariato sociale, la pratica sportiva che è un eccezionale strumento di integrazione, le iniziative di sensibilizzazione nelle scuole per diffondere corrette informazioni sul fenomeno migratorio e i progetti che nascono dall'ormai stretto rapporto con le università", ha dichiarato l'assessore.

All'incontro, nato dall'international Summer school "Dwelling in motion" organizzata dal Dipartimento di Architettura, Design e urbanistica dell'ateneo sassarese, hanno preso parte anche il rettore Massimo Carpinelli, Luciano Gutierrez, delegato per l'Internazionalizzazione, la docente Silvia Serreli, che ha realizzato diversi progetti sull'interculturalità, Fakher Kharrat e Mahmoud Abdesselem dell'Università di Carthage, in Tunisia.

(Unioneonline/D)

DITE LA VOSTRA:

 
Migranti nelle università sarde: una buona occasione?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

70 commenti

  • maman-ti 09/09/2018 13:46:34

    Tutti contro l'assessore Spanu che, evidentemente, è stato frainteso. Magari, in aggiunta, avrebbe dovuto palesare la possibilità che i sardi indigenti, impossibilitati a sostenere il costo delle tasse universitarie, possano rinunciare alla cittadinanza Italiana e richiedere, ad esempio, quella Eritrea. Sarebbe il sistema più congruo per accedere a qualsiasi corso in regime gratuito.
  • snorky 09/09/2018 10:42:38

    Penso che l' esempio degli studenti lavoratori "indigeni", di cui rivendico l' appartenenza , possa valere anche " per gli immigrati facenti parte dei flussi non programmati " . Quindi: dopo aver accertato l' identità e lo "status" , gli studi effettuati equipollenti ai nostri , la conoscenza e padronanza della nostra lingua, un lavoro e un reddito, non vedo difficoltà e ostacoli, inoltre, non sarebbe necessaria e utile " l'accoglienza dei flussi programmati" all' Università.
  • alexander5 09/09/2018 09:44:47

    Soldi buttati..."una buona occasione"... per chi? Alle prossime regionali, se passate il 5% sarà un miracolo.
  • user215523 09/09/2018 09:42:00

    si certo mentre invece i giovani sardi e le loro famiglie devono pagare le tasse universitarie, i politici sardi sono piu preoccupati per l'avvenire degli immigrati che possono accedere gratuitamente. Intanto centinaia di giovani sono costretti a lasciare l'isola perchè non cè lavoro. Vergogna!!!
  • user220814 09/09/2018 09:30:59

    L'assessore Spanu non ha ancora capito niente! Far studiare i migranti "per acquisire conoscenze specialistiche da utilizzare successivamente, in modo proficuo, nei paesi di origine", ma ci dobbiamo credere? Quelli sono arrivati qui per restare! E dopo la laurea andranno al massimo a lavorare in paesi dove guadagnano sicuramente più che in Sardegna, ma non di certo in Africa! E intanto i poveri sardi, senza soldi e senza studio, se ne stanno a casa...
  • numeronove 09/09/2018 09:29:51

    È pura follia non agevolare i giovani Sardi ad iscriversi all'università, tagliando le tasse. Saludos
  • user219087 09/09/2018 09:16:39

    Se i nostri studenti che non riescono ad andare all universita per i costi di alloggio trasporti e retta non scendono in piazza a prottestare con le proprie famiglie con forza si prottestare con forza contro questi maledetti politici ci stanno rovinando , questo non e´un discorso razzistico , l assessore dei miei stivali Spanu avrebbe dovuto dire diamo acesso all universita gratis a quelle persono vogliose di studiare che siano essi sardi o migranti allora avrei detto o finalmente una giusta
  • user234904 09/09/2018 08:49:17

    nelle università ci son posti chiusi x i nostri ragazzi e vuoi aprirle x gli immigranti? tra poco sarete spazzati via alle prossime elezioni
  • user234904 09/09/2018 08:47:19

    assessore le elezioni si avicinano, grazie x averci aperto gli occhi x non votarti, faciamo di tutto x mandarvi a casa, i nosrtri ragazzi pagano una fortuna di tasse e tu vuoi regalare l università a questi immigtanti nullafacenti?
  • user215573 09/09/2018 06:57:05

    Suggerirei un nuovo nome x la sinistra visto che a breve scomparirà dalla storia !...la sinistra Orfei 😂🤣😂😂😂🤣male che vada se non prendono voti almeno fanno ridere le pietre.....forza gente anche alle regionali facciamo capire quanto li abbiamo apprezzati fino a d'ora e che anno finito di prendere in giro !!