Cronaca » USA

Usa, identificato l'uomo che ha rubato l'aereo e si è schiantato

Domenica 12 Agosto alle 08:55 - ultimo aggiornamento alle 14:13


È stato identificato l'uomo che ieri ha rubato un aereo turboelica Horizon Air dall'aeroporto di Seattle-Tacoma e, dopo il decollo, si è poi schiantato a Ketron Island.

Si tratta di un 29enne di nome Richard Russell, originario di Wasilla, in Alaska, e di professione meccanico.

Sembra che fosse molto attivo sui social network e che avesse anche un blog.

L'Fbi ha escluso che si sia trattato di un atto di terrorismo, affermando che sia stata un'azione "suicida".

Un'ipotesi confermata anche dalle conversazioni tra il tecnico e la torre di controllo, durate circa un'ora e pubblicate sul "Seattle Times".

"Sono un tipo distrutto, con qualche bullone avvitato male, non lo sapevo fino a ora", ha detto Russell ai controllori del traffico aereo, che cercavano di convincerlo ad atterrare in una base militare vicino a Seattle.

Aggiungendo: "Ci sono molte persone che si preoccupano di me. Le deluderò quando sentiranno cosa ho fatto. Vorrei scusarmi con tutti loro".

(Unioneonline/F)

 
un aereo della alaska airlines
Paura negli Usa: meccanico ruba un aereo e si schianta

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Prometeo59 17/08/2018 10:05:21

    Pover'uomo. Ma vi siete mai chiesti quante persone al giorno d'oggi vivono male sia per problemi pratici, sia per emarginazione o autoparanoia. Anche i ricchi ne soffrono, non è una questione di classe di appartenenza ma è semplicemente il "male del secolo", con tutta questa automatizzazione e informatizzazione della società contemporanea. E ora arriva anche la carta d'identità elettronica con tanto di impronte digitali. Pochi controllano, ma la massa è sottomessa e schedata.