Cronaca » Provincia di Milano

Materiale pedopornografico nel pc: quattro arresti e diciotto indagati

Mercoledì 20 Giugno alle 09:02 - ultimo aggiornamento alle 16:10


Foto d'archivio

Sono quattro le persone finite in manette e 18 gli indagati in stato di libertà tra Lombardia, Lazio, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Campania e Marche.

L'accusa, quella di essere in possesso di "ingenti quantitativi di materiale pedopornografico".

L'inchiesta è stata avviata dalla polizia postale e delle comunicazioni per la Lombardia e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano.

Stando a quanto si apprende, le indagini sono partite dalle segnalazioni della società canadese Kik Interactive, che gestisce l'omonima applicazione di messaggistica istantanea per smartphone.

A quel punto è intervenuta la postale che, filtrando ed elaborando oltre 15mila connessioni, ha identificato 22 cittadini italiani che, per restare anonimi online, si scambiavano il materiale illecito utilizzando caselle di posta elettronica con dati fittizi e accedevano a Internet attraverso reti wifi aperte o connessioni intestate a terzi.

Nel corso dell'operazione sono inoltre stati sequestrati 26 smartphone, 7 notebook, 18 hard disk, 4 pendrive usb e 4 tablet, per una capacità di memoria complessiva di oltre 10 terabyte, all'interno dei quali sono stati rinvenuti oltre 20mila immagini e video pedopornografici.

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Prometeo59 20/06/2018 09:32:30

    Schifosi...