Calcio » Provincia di Roma

Totti: "Oggi costerei 200 milioni". Poi la frase al veleno su Spalletti

Martedì 13 Febbraio alle 17:56


Francesco Totti in versione dirigente

Francesco Totti si racconta in un'intervista a Sky Sport, e non sono parole banali quelle utilizzate dall'ex calciatore della Roma, oggi nella dirigenza del club giallorosso.

"In questo mercato pazzo io costerei 200 milioni", ha dichiarato l'ex fantasista,

"Oggi conta il business - ha detto - ed è difficile che un giovane della Roma crescendo rimanga e possa fare le stesse cose che abbiamo fatto io e Daniele De Rossi: quindi non penso che esista un altro Totti, e nel caso non credo possa rimanere a lungo nella Roma".

Ha parlato di mercato pazzo, l'ex numero 10: "Fosse per me spenderei qualsiasi cifra per comprare i giocatori forti, perché per vincere servono: ma non sono io a gestire i soldi, è il presidente che decide".

L'offerta più concreta per lasciare Roma gli è arrivata nel 2003/04, dal Real Madrid: "Ho fatto una scelta ben precisa, precludermi la possibilità di vincere tanto per rimanere con un'unica maglia, che per me è stata la cosa più importante".

Una scelta di cui non si è mai pentito: "Alla fine ho avuto tutto: amore e passione per me sono stati più importanti che vincere trofei altrove". Ma una cosa che gli manca c'è, quel Pallone d'Oro che magari altrove avrebbe portato a casa: "Non ero in grado di competere con giocatori che erano in altre squadre e che hanno conquistato la Champions o il Mondiale", ha dichiarato.

Lui in realtà un Mondiale lo ha vinto, ma i mattatori di quella Nazionale erano tutti nel reparto arretrato, tanto il Pallone d'Oro quell'anno lo vinse Fabio Cannavaro.

Non ha risparmiato bordate a Luciano Spalletti, l'ex capitano della Roma. Il rapporto tra Totti e il suo ultimo mister non è stato idilliaco, non è un segreto. Ma Francesco non ha nessuna intenzione di chiarire: "Con Spalletti non c'è mai stato e mai ci sarà un confronto, avrei preferito chiudere in un altro modo", ha detto.

"Fossi stato in lui - ha aggiunto - avrei gestito il calciatore, e soprattutto la persona, in modo diverso: mi sarei confrontato con lui, ci avrei parlato".

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • fracheco 15/02/2018 19:33:49

    ma po carirari , Zola era 1000 volte meglio di te
  • pierolog 15/02/2018 19:00:19

    è emersa tutta la sua pochezza, quando hai 40 anni e non ce la fai più è inutile prendersela con l'allenatore
  • sonchry 15/02/2018 09:51:07

    il sig. totti fosse andato al Real avrebbe sicuramente guadagnato di più nell'immediato, precludendosi però lo status di uomo bandiera e non sarebbe potuto tornare alla roma con le cifre che gli hanno elargito fino a 40anni tra l'altro negli ultimi 5-6 da ex giocatore. Spalletti è stato messo li dalla società per fare quello che nessuno osava perché a roma er pupone nun se po' toccà. Inoltre il sig. totti al Real al massimo avrebbe potuto portare le borracce o vendere noccioline sugli spalti.
  • urlec 15/02/2018 08:44:38

    Che amarezza... quando uno non si rende conto che il suo tempo è passato è solo un poveraccio....
  • alecarlo 14/02/2018 17:32:29

    Eevviva per la modestia. Bravo come giocatore , finchè l'età lo ha aiutato,ma doveva capire da solo che negli ultimi anni non poteva più essere inserito in una squadra che era votata a vincere. Ora servono giocatori che giocano per la squadra e non che la squadra giochi per loro e lui questo non lo poteva fare in quanto giocava da fermo. Sarebbe stato meglio che lo avesse capito da solo e si fosse ritirato lasciando un buon ricordo. Gigi Riva insegna.
  • user222986 14/02/2018 17:08:36

    io invece mi chiedo: come mai ha smesso di giocare dal momento che Spalletti è andato via? poteva rimanere fino a 50 anni se il problema era l'allenatore.... che pena questo ragazzo...
  • iskander66 14/02/2018 08:29:06

    Totti ha perfettamente ragione. Non si doveva trattarlo così, considerando che, anche se entrava nei 5 minuti finali, il goal lo faceva sempre. Avrebbe dovuto giocare finché ne avesse avuto voglia; ma un allenatore piccino piccino e una società senza pxxxe non sono state capaci di capirlo.
  • Lucignolo 13/02/2018 20:16:10

    200 COSA? Si proprio 200 sputati.... sulla mano prima di stringersela! Ma vai a vedere gli scavi