Spettacoli » Provincia di Roma

Rimpianti, amori e precarietà: i "giovani adulti" nel nuovo film di Ciro De Caro

Mercoledì 19 Aprile alle 18:36 - ultimo aggiornamento alle 19:53


Una scena del film

Sono i "giovani adulti" i protagonisti del nuovo film di Ciro De Caro, "Acqua di marzo".

Le famiglie dei giorni nostri, dice lo stesso regista romano, dove "i figli non riescono a smettere di essere figli anche se in apparenza sembrano maturi e indipendenti, e i genitori non riescono a smettere di essere genitori".

Al centro della storia c'è una coppia: Libero, musicista che collabora da precario con un'agenzia di pubblicità, e Francesca, aspirante attrice.

"La pellicola - continua - racconta come tante persone taglino i ponti con le proprie radici, per fuggire, apparentemente dalla provincia, in realtà da qualcosa che non riescono ad affrontare, da un mostro interiore, da un rimpianto, da un'adolescenza problematica che non è mai stata superata e che bisogna affrontare, prima o poi, per crescere veramente".

UNA SCENA DEL FILM:

Video: "Acqua di marzo", il nuovo film di Ciro De Caro

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

De Caro, 42 anni, è reduce dal grande successo di "Spaghetti story", un altro dramma della precarietà, grazie al quale è diventato uno dei cineasti più interessanti del panorama italiano.

Nel cast di "Acqua di marzo", nelle sale da giovedì 20 aprile, ci sono Roberto Caccioppoli, Rossella D'Andrea, Claudia Vismara, Nicola Di Pinto, Anita Zagaria, Gianni D'Andrea, Sara Tosti e con l'amichevole partecipazione di Sabrina Paravicini.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook