Politica » Italia

Tav e Tap, scontro nel governo: Lezzi e Di Battista contro Salvini

Domenica 05 Agosto alle 11:04 - ultimo aggiornamento alle 20:32


Di Battista, Salvini e Lezzi (foto Ansa)

Scontro nella maggioranza di governo sulle grandi opere.

A opporre Lega e Movimento 5 Stelle i due progetti relativi alla Tav, la linea ferroviaria dell'alta velocità che dovrebbe collegare Torino e Lione, e alla Tap (Trans Adriatic Pipeline), il viadotto che trasporterà il gas dall'Azerbaijan all'Italia, con sbocco in Puglia, in provincia di Lecce.

La polemica è scoppiata tra Alessandro Di Battista, ex parlamentare pentastellato, e il vicepremier Matteo Salvini.

In un videomessaggio Di Battista, giunto a Puerto Escondido nel suo viaggio tra centro e sud America, si è rivolto ai suoi follower: "Sono libero, anche di pungolare il M5S, ho molta stima di Di Maio, sta combattendo tantissimo. Abbiamo fatto battaglie importanti, contro il Tap, contro il Tav, opere del tutto inutili", ha affermato.

Invitando i grillini a non cambiare idea sui progetti: "Il Movimento deve fare il Movimento, ribadendo i No sani che abbiamo detto, perché ci abbiamo preso i voti su quella roba là".

A Di Battista ha risposto il ministro dell'Interno Salvini, che ha parlato delle grandi opere come di progetti necessari per lo sviluppo del Paese.

"Non faccio l'ingegnere, posso dire che la Pedemontana in Lombardia e in Veneto è assolutamente necessaria, che il Terzo Valico è assolutamente necessario, che la Tap in Puglia porterebbe a un risparmio del 10% sulle bollette energetiche delle famiglie e delle imprese in Italia. Però valutiamo costi-benefici, Tav compresa. Io di mio preferisco sempre costruire e andare avanti", ha detto il segretario del Carroccio.

Nella vicenda è intervenuta anche Barbara Lezzi, ministro per il Sud.

"Caro Matteo Salvini, in Italia servono le infrastrutture ed in particolar modo ne hanno estremo bisogno il sud e e aree interne del centro-nord", ha scritto Lezzi, esponente di spicco del M5S pugliese.

"È la carenza di questo genere di investimenti che ha provocato una perdita ulteriore di posti di lavoro

al sud di 300.000 unità durante gli anni della crisi", ha aggiunto.

E ancora, dice Lezzi, "non si è mai osservato il riparto della quota ordinaria degli investimenti per popolazione. Al sud spetterebbe almeno il 34% e siamo a poco meno del 29% Strade sicure, ferrovie, scuole, ricerca, università, bonifiche, dissesto idrogeologico, energia pulita. Questi sono gli investimenti che l'Italia aspetta".

(Unioneonline/F-l.f.)

 
luigi di maio
Di Maio: "Ridiscutere la Tav, subito reddito di cittadinanza e flat tax"

DITE LA VOSTRA:

 
una manifestazione no tap (foto ansa)
Tav e Tap, scontro tra M5S e Lega. Da che parte state?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • misteriosum 06/08/2018 15:06:38

    L'unica cosa che dovrebbero chiudere sono le loro bocche. Troppe chiacchere per distrarre l'attenzione del popolo "Bue" verso i provvedimenti (senza risorse) che non riescono a mettere in atto.
  • Giano 05/08/2018 23:44:32

    Di Battista è al governo? E da quando?
  • semur 05/08/2018 23:32:04

    barbara lezzi, ministro per il sud, pugliese. forse non sa che il gasdotto arriverà in puglia e porterà, oltre al gas, posti di lavoro e risparmio sulla bolletta.
  • moreover 05/08/2018 22:45:53

    Si dia spazio e ascolto alla Lezzi, economista di punta (con tanto di diploma di perito aziendale) dei grullini. La sua esilarante teoria dell'estate scorsa sull'aumento del PIL dovuto ai troppi condizionatori accesi per il caldo afoso è ancora accesa materia di discussione e di studio (leggi ilarità) presso i più qualificati centri di ricerca e innovazione mondiali.
  • wing1250 05/08/2018 22:16:44

    Tra dibba e lezzi chissà chi è il più scarso .
  • Vanila 05/08/2018 19:25:48

    Peccato che la Salerno Reggio Calabria, sia conclusa, avrebbero chiuso anche questa, ma ci sono numerose opere da chiudere: strade, ferrovie, aeroporti, olimpiadi, campionato di calcio, asili nido, orfanotrofi, mense per disagiati....
  • user238504 05/08/2018 16:59:05

    Ma qesto Di Battista , noto DIbba, non era partito o doveva partire in Venezuela? Lasci in pace l'Italia che ha tanti casini di suo, con questo governo arrogante e incompetente e si dedichi a Maduro.