Cultura » Italia

Debiti a settembre? Piccoli trucchi per affrontarli senza stress

Lunedì 27 Agosto alle 15:52 - ultimo aggiornamento alle 17:14


Massimo De Donno, autore di Genio in 21 giorni

Ci sono gli studenti fortunati, che si sono goduti le meritate vacanze mettendo da parte i libri di scuola, e poi c'è quel 22,4% del totale degli alunni italiani - percentuale che in Sardegna sale al 28,6% secondo i dati Miur - che a giorni dovrà affrontare i famigerati esami di riparazione.

Un rito che si ripete ogni anno, con il consueto carico di stress e una corsa forsennata degli ultimi giorni per non perdere l'intero anno scolastico. Certo ogni storia è a sé e ogni alunno deve fare ammenda per i propri errori, ma secondo Massimo De Donno, autore del best seller Genio in 21 giorni e tra i più noti esperti di apprendimento strategico in Europa, c'è una causa che accomuna tutti gli studenti rimandati a settembre: "Il motivo più profondo risiede nell'assenza di un efficace metodo di studio, che tenga conto realmente dello specifico stile cognitivo individuale, dello stile di apprendimento, e del tipo di intelligenza che lo studente ha meglio sviluppato".

E per ridurre l'ansia da esame De Donno propone alcuni piccoli e semplici stratagemmi per far sì che nonostante lo studio resti lo spazio per gustarsi le vacanze.

Anzitutto l'atteggiamento mentale positivo, di chi si prepara all'esame convinto di potercela fare, prendendo il debito scolastico come un'opportunità piuttosto che come un castigo, arrivando alla data fatidica orgogliosi di sé, indipendentemente dall'esito.

Sul piano pratico, poi, è importante saper gestire il tempo, magari con un "calendario": analizzare tutto il materiale da studiare e diluirlo settimana dopo settimana, lasciandosi sempre due giorni completamente liberi. Ci vuole metodo, insomma, e quello suggerito da De Donno mira a fissare degli obiettivi chiari, riassunti nell'acronimo "S.M.A.R.T.": specific, misurable, attainable, realistic, time bound.

Specific: un obiettivo ben definito. Per esempio, "voglio rimettermi in forma" non è un obiettivo specifico, ma "voglio perdere 3 kg in 3 mesi" sì.

Misurabile (misurabile): creare obiettivi che siano misurabili, ragionando per numero di pagine da studiare entro quel giorno oppure anche per argomenti.

Attainable (raggiungibile): se 40 pagine di storia al giorno con molti dettagli da memorizzare sono troppe, si possono ridurre 20 al giorno aggiungendovi una materia più leggera.

Realistic (realistico): tenere conto dei propri limiti prevedendo quindi dei tempi di riposo.

Time Bound (limitato nel tempo): fondamentale non cedere alla tentazione di rimandare

agli ultimi giorni.

Infine, è importante saper gestire l'ansia con attività fisica, esercizi di respirazione e meditazione, e prepararsi a "esporre" già durante la fase di studio, come se si stesse spiegando a qualcuno quanto si legge.

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

(Unioneonline/b.m.)

 
immagine simbolo
Scuola, meno bocciati ma è record di rimandati nell'Isola

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • melisfa 28/08/2018 22:42:43

    Questa cosa è illegale e va contro la morale, non si possono dare i trucchi per gli studenti ignoranti, non hanno fatto niente durante tutto l'anno scolastico e meritano di stressarsi come hanno fatto i loro compagni, non si devono godere le vacanze lunghe perchè sarebbe non educativo. Inoltre adesso i bambini non vengono nemmeno più bocciati, figuriamoci se gli diamo pure gli aiutini. Diventeremo una nazione ancora più ignorante.
  • Prometeo59 28/08/2018 13:16:25

    quando mi rimandarono in Greco, l'anno successivo ero il più preparato della classe. Gli esami di riparazione servono eccome...