Cultura » Sassari

A Sassari una pièce teatrale per riflettere sull'omofobia

Mercoledì 16 Maggio alle 16:11


Un'immagine dalla pièce teatrale

Nella settimana della Giornata internazionale contro l'omofobia che si celebra domani, giovedì 17 maggio, in tutto il mondo e contro i pregiudizi e le conseguenti discriminazioni nei confronti delle persone con orientamento sessuale "non conforme", il liceo Spano di Sassari organizza un appuntamento volto a far riflettere su un tema così importante.

Si tratta dello spettacolo "Iscaminaut o del figliol improdigo", a firma della compagnia teatrale "I Barbariciridicoli", pièce inedita e originale che mira a divertire e ad emozionare, e che andrà in scena venerdì 18 maggio (alle 21) nell’Auditorium provinciale di via Monte Grappa 2, a Sassari.

Nella trama, due "normali" genitori sardi che aspettano con ansia il ritorno dell'unico figlio, partito in "continente" per l'università. E, quindi, la gioia familiare per il rientro, strutturata secondo lo stile umoristico della commedia, incarnato in particolare dall'esilarante personaggio di "Marirosa Infiorita", che lascerà nel finale il posto al dramma che scatena il "coming out" del ragazzo.

L'ossimoro del titolo - 'Iscaminaut' addensa la fonia di due termini di significato diametralmente opposto, l'inglese coming out e il sardo iscaminau, deviato - riflette completamente lo spirito dell'opera, che tende a mettere in risalto le contraddizioni di una società in cui le spinte libertarie convivono e confliggono fortemente con le fobie e le catene della discriminazione e delle convenzioni sociali.

Fra gli interpreti Federico Careddu, Maddalena Solinas e Roberto Piredda, per la regia di Tino Belloni.

Allo spettacolo teatrale seguirà il dibattito "La realtà oltre la finzione", cui parteciperanno i rappresentanti e gli operatori dell'Associazione Nuovi diritti e del Mos (movimento omosessuale sardo) di Sassari, e delle Associazioni Arc e Agedo di Cagliari.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Giano 16/05/2018 18:40:16

    Bene, bene, domani una pièce sull'omofobia, dopodomani una sull'accoglienza migranti e l'integrazione, poi una rievocazione celebrativa del '68, ed infine una commemorazione di Gramsci (quello non può mancare). E siamo perfettamente in linea con il pensiero unico di regime.