Cronaca Italiana

Il turismo gay vale quasi 3 miliardi
ll 45% tiene nascosta l'omosessualità

Sabato 28 Settembre 2013 alle 12:58


immagine simbolo

Immagine simbolo

Lo studio è stato realizzato da Gfk Eurisko e presentato alla terza edizione di Expo Turismo Gay in corso in questi giorni a Bergamo. Un altro dato che emerge è la cultura superiore del turista lgbt(gay, lesbiche, transgender e bisex), che ha il diploma nel 44% dei casi, la laurea per il 37%, ed è impegnato in lavori qualificati: nel 17% dei casi è un libero professionista (contro la media del 3% della popolazione adulta), dirigente nel 12% (contro il 3%), impiegato (26% contro il 16%). E conseguentemente ha una capacità di reddito più alta: il 42% dei gay guadagna da 1500 a 3000 euro al mese, contro il 28% della popolazione italiana adulta.

Gay, lesbiche, bisex e transgender vivono per lo più da soli (38%); il 45% tiene ben nascosto l'orientamento sessuale confessandolo solo nel 28% dei casi. Viaggiano più del resto della popolazione italiana (56% contro il 45%) facendo più vacanze durante l'anno: week end nel 57% dei casi contro il 33% del resto degli italiani. Tre quarti dei turisti lgbt hanno fatto almeno una vacanza negli ultimi 12 mesi: periodi oltre i 10 giorni il 56%, week end il 57%, viaggi di lavoro il 35%. Per le vacanze lunghe non amano viaggiare in Italia ed anche anche se la scelgono il 49%, va considerato che gli italiani che optano per vacanze nel Bel Paese sono il 74%. Viaggiano invece in Europa (il 36% contro il 20% degli altri consumatori italiani) e fuori dai confini europei (il 15% contro il 6%). Nel lungo raggio le destinazioni predilette sono nel Nord America.

Le leve di scelta principali che spingono i turisti lgbt verso una destinazione sono il clima, la cucina ed il benessere per il 28% nel caso di vacanze lunghe e per il 22 per cento per i week end; la natura per il 18% nel caso di vacanze lunghe e 13% per i week end; arte e cultura (17% vacanze lunghe e 21 week end). In cima alle mete "gay friendly" c'è l'isola di Mikonos (32%), e seguono Barcellona con il 15% delle preferenze, Ibiza con il 13%, la Spagna (11%), Stiges (10%), Grecia (9%), Gran Canaria (8%), San Francisco, Berlino, Londra tutte al 7%,; poi Amsterdam e New York. Gallipoli viene scelta dal 4%, Miami e Roma al 3%. La struttura ricettiva prediletta è l'hotel nel 42% dei casi. Gay e lesbiche viaggiano quasi sempre in coppia (nel 42% dei casi), si spostano dopo essersi consigliati con amici (47%) ed aver consulto internet (44%).

Infine, i costi: il 30% non bada a spese, vuole un viaggio preparato da professionisti del settore il 37%, fa una vacanza all'insegna della cultura e dell'arte il 62% e vuole conoscere usi e costumi del luogo dove va il 67%. Per la maggioranza ha importanza che la struttura ricettiva e la vacanza si possano definire "gay friendly"( 39%) in modo che si sentano accettati e possano rilassarsi.

Nessun commento presente per questo articolo