Cronaca » Mandas

Mandas, parla l'altra figlia: "Mia madre? Non ho niente da perdonarle"

Lunedì 10 Settembre alle 19:25 - ultimo aggiornamento Martedì 11 Settembre alle 06:52


Vico Corrias a Mandas, teatro della tragedia

"Non riesco a immaginare una vita senza i miei fratelli. Claudio e Paolo erano la mia forza. Mia madre? Non ho niente da perdonarle".

Monica Calledda, 42 anni, medico, sorella dei gemelli disabili di Mandas, chiede rispetto, silenzio e preghiere mentre si prepara per i funerali dei due fratelli (41 anni) e della madre Angela Manca (64) che li ha uccisi giovedì prima di togliersi la vita.

Le esequie sono previste per mercoledì in paese.

"Li vedo adesso nei miei pensieri mentre corrono felici in un prato con tanti fiori e con la maglietta del Cagliari. Ci siamo amati tantissimo", dice ancora Monica a L'Unione Sarda, in un'intervista esclusiva in edicola oggi.

La tragedia è andata in scena il 6 settembre, nell'abitazione di famiglia in vico Corrias, quando la Manca, approfittando dell'assenza delle badanti e dei parenti, ha preso uno dei fucili del genero, sparando ai suoi figli per poi rivolgere l'arma contro di sé.

Non un gesto d'impulso, ma, a quanto sembra, un'azione premeditata.

A riprova, il ritrovamento di un biglietto scritto dalla stessa 64enne: "Basta soffrire, ora so come fare".

Dopo l'allarme, sul posto sono arrivati i soccorsi.

Per i gemelli non c'è stato nulla da fare. La donna, invece, è stata ricoverata in gravi condizioni all'ospedale Brotzu di Cagliari, con una ferita all'addome. Ma i tentativi dei medici di salvarla sono anche in questo caso risultati vani.

Le esequie si terranno nella chiesa parrocchiale di San Giacomo e saranno celebrate dal parroco don Zara. L'intera comunità è ancora sotto choc.

Il Comune ha proclamato il lutto cittadino, per quella che il sindaco Marco Pisano ha definito: "Una tragedia che sa tanto di atto d'amore".

LA VICENDA:

 
le forze dell ordine sul posto
Mandas, quel biglietto di Angela: "Basta soffrire, ora so come fare"

 
i carabinieri sul luogo della tragedia
Mandas, uccide i figli e si spara. La ricostruzione della tragedia

 
i carabinieri sul posto
Tragedia familiare a Mandas. Mamma uccide i figli e si spara

VIDEO:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user223863 11/09/2018 11:24:54

    Evidentemente lo stato non aiuta quanto occorre, non è presente al fianco di queste persone che vivono drammi familiari, lo stato invece è molto generoso e dirotta molte risorse verso l'assistenza in hotel vito alloggio e vari benefit come carte prepagate per cellulari e pocket money giornaliero verso centinaia di migliaia di migranti economici, lasciando pressoché in abbandono e in condizioni invivibili troppi italiani anziani e disabili.
  • Brent 10/09/2018 20:28:40

    Credo che non si possa rimproverare niente a mamma Angela, anzi forse siamo noi a dover chiedere perdono per non essere stati abbastanza vicini per sostenerla come meritava, la vita qualche volta è davvero troppo penosa anche per il cuore di una madre
  • Alfie 10/09/2018 19:49:49

    Forse si sente un po' in colpa per essere partita in vacanza sapendo che ha lasciato sola la madre che era depressa (in un TG hanno detto che aveva tentato in precedenza di avvelenare i gemelli).