Cronaca » Arzana

Il duplice omicidio del giorno di San Lorenzo, nelle perizie il retroscena

Venerdì 10 Agosto alle 10:10 - ultimo aggiornamento alle 15:48


In basso le vittime, Roberto e Andrea Caddori. In alto Giuseppe Doa

Sono chiuse le indagini per l'omicidio di Andrea e Roberto Caddori. Per il duplice delitto, sotto accusa, c'è Giuseppe "Peppuccio" Doa, 85 anni.

Il fatto risale al giorno di San Lorenzo di due anni fa.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, tutto è partito dalla lite in una palazzina di via Brigata Sassari, scoppiata per questioni legate alla futura eredità di Maria Doa, 93 anni, sorella di Peppuccio Doa.

L'anziana donna aveva scritto due testamenti.

Nel primo il beneficiario dei suoi beni era Giuseppe, nel secondo Franca Ferrai, cognata, sorella del marito defunto Pietro e madre delle due vittime, e Bruna Caddori, la donna che l'assisteva.

Peppuccio Doa era venuto a conoscenza dell'esistenza delle due carte e quel giorno si era recato a casa della sorella, insieme alla moglie Giannina Stochino (68 anni), per recuperare ed eliminare la copia del testamento intestata alla mamma dei Caddori.

Sarebbe quindi scoppiata una lite, al termine della quale, mentre si stava allontanando, Peppuccio Doa si era trovato davanti i i fratelli Caddori. A quel punto, secondo la perizia, avrebbe sparato cinque colpi con la sua semiautomatica Beretta 7,65, regolarmente detenuta sebbene non avesse il porto d'armi.

Due contro Roberto Caddori, entrambi a segno, e tre su Andrea Caddori, due a bersaglio e uno finito sul portoncino d'ingresso. Entrambi sarebbero stati colpiti la seconda volta mentre erano già a terra.

Giuseppe Doa venne arrestato alcune ore dopo il delitto.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user239289 21/08/2018 15:16:08

    Tipiche gabillate, non avendo voglia di lavorare ed essendo eterni mantenuti-bambini si sono scannati per potersi ciucciare il patrimonio altrui. Ovviamente a qualcuno non andava affatto a genio l'idea di ricorrere al raziocinio e alla logica della legge, che avrebbe impedito a tutti di fare i furbacchioni. E cosi hanno preso tutti la decisione peggiore che potessero prendere. Povera sardegna.