Cronaca » Provincia di Padova

Rifiutarono la chemio per la figlia malata, a processo i genitori

Mercoledì 18 Luglio alle 10:30 - ultimo aggiornamento alle 11:22


Eleonora Bottaro

Andranno a processo al tribunale di Padova il prossimo 25 ottobre, i genitori di Eleonora Bottaro - Lino Bottaro e Rita Benini -, la 18enne di Bagnoli morta di leucemia dopo aver rifiutato di sottoporsi alla chemioterapia.

Il decesso risale al 29 agosto del 2016.

La coppia, seguace del medico tedesco Ryke Geerd Hamer, che rinnega la scienza ufficiale ed è stato radiato dall’Albo, era stata iscritta nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di omicidio aggravato colposo e poi prosciolta dal giudice per le indagini preliminari Mariella Fino, "perché il fatto non costituisce reato".

Secondo quanto riporta il "Corriere della Sera", il procuratore aggiunto Valeria Sanzani aveva presentato richiesta d’appello alla Corte di Venezia per una questione formale e quella richiesta è stata ora accettata.

I due sono stati dunque rinviati a giudizio.

Eleonora si era ammalata nel 2015; dopo il ricovero all'ospedale di Padova, i genitori avevano firmato le sue dimissioni.

La ragazza si era poi recata in Svizzera, dove la sua patologia era stata trattata con una terapia a base di cortisone e vitamina C.

Secondo l'accusa, i genitori l'avrebbero convinta a non sottoporsi alla chemio.

(Unioneonline/F)

 
la procura di padova
Rifiutarono la chemio per la figlia: genitori indagati per omicidio colposo

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user238504 18/07/2018 17:13:06

    Non riavranno più, purtroppo, la loro figlia.Sono incappati in uno dei tanti guaritori, per di più medico, che promettono mirabolanti guarigioni con l'uso di bicarbonato o altri intrugli. Per costoro il cancro è un fungo.