Cronaca » Macomer

Macomer, tre azioni contro lo spopolamento del territorio

Sabato 16 Giugno alle 09:18


Gianluca Atzori di Propositivo e Fausto Mura (associazione Nino Carrus)

Sono concentrate in tre azioni distinte le iniziative promosse dall'associazione Nino Carrus (Macomer) per trovare risposte al declino del territorio, allo spopolamento dei paesi e la questione zone interne e periferiche.

Iniziativa che sta coinvolgendo tante associazioni. "Vogliamo affrontare quella che è' la vera questione sarda - ha detto il presidente dell'associazione Fausto Mura, nel corso di un incontro - con le nuove iniziative continuiamo la nostra battaglia e il nostro impegno per una mobilitazione sempre più intensa e consapevole".

La prima iniziativa è "La primavera dei paesi. Masterclass sullo spopolamento". "L'obiettivo - dice Gianluca Atzori di Propositivo - è promuovere una riflessione e un approfondimento delle problematiche alla base del progressivo spopolamento che sta caratterizzando i paesi e le aree interne, per costruire un manifesto in cui avanzare idee e proposte da sottoporre all'attenzione delle istituzioni, dei rappresentanti delle varie associazioni e della società civile".

La seconda azione comprende la pubblicazione di un libro contenente gli elaborati presentati al premio Nino Carrus dello scorso anno.

La terza è quella di creare una rete di associazioni sarde che siano impegnate nella difesa e nella lotta allo spopolamento, come strumento di mobilitazione dal basso.

"Basta con la convegnistica fine a se stessa - dice Fausto Mura - che rischia ormai di diventare una utile passerella per i partecipanti, senza una reale ricaduta nella politica che conta e che decide".

L'obiettivo è elaborare un manifesto che raccolga e proponga in termini unitari risposte concrete alla questione dei paesi, delle aree interne e marginali e delle aree rurali.

Per queste iniziative sono coinvolti il Centro Servizi Culturali di Macomer, l'associazione Propositivo di Macomer, la Fondazione Casa Museo di Ghilarza, la Sardarch Cagliari, Sardegna Dentro di Gavoi, Centro Studi Autonomistici di Sassari, Università di Sassari, Freemos di Siligo, Anci Sardegna, Consiglio Autonomie locali e l'associazione Borghi Autentici d'Italia.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • sar2010 20/06/2018 08:56:21

    syd76rm, sono d'accordo. Aggiungo, che per fare economia esistono fondamentalmente tre modi: 1) produzione primaria con prodotti derivanti dalla coltivazione della terra o derivati; 2) prodotti industriali o di trasformazione; 3) terziario, commercio, uffici, servizi, ecc. ... Per i punti 1) e 2) non vedo grosse possibilità. Resta il 3) che andrebbe realizzato in grande, il vero Centro Direzionale dell'isola, con ferrovia, uffici, aeroporto, scuole, università, ecc.
  • giubboy 19/06/2018 19:36:48

    a parte il fatto che ho forti dubbi sulla genuinità di alcune associazioni. il discorso è molto semplice, lo spopolamento non è una variabile nella disponibilità delle autonomie locali, quindi se il governo nazionale deciderà di promuovere iniziative in tal senso si avrà un inversione di marcia altrimenti la strada è segnata. le discussioni e i convegni sono fatti di tante belle parole prive di contenuto che servono solo ad alimentare l'ego di pseudo salvatori di macomer
  • syd76rm 19/06/2018 13:41:06

    L'unico modo per arrestare lo spopolamento è fare economia. Non ci vogliono molti convegni per capirlo.
  • Tessitore 16/06/2018 11:28:23

    Si, nel frattempo, mentre voi chiacchierate, qui si va sempre più a picco.