Cronaca » NURAGHE DIANA

Quartu, il Nuraghe Diana riapre le porte ai visitatori

Lunedì 20 Marzo alle 07:51


Il nuraghe Diana

Dalla prossima estate la batteria militare Carlo Faldi nello splendido promontorio di Is Mortorius e il vicino Nuraghe Diana, apriranno le porte alle visite guidate.

Nei giorni scorsi il Comune, assieme ai funzionari della Soprintendenza e della Conservatoria delle coste, ha effettuato un sopralluogo nella zona per verificare lo stato dei luoghi e decidere quali misure prendere per rendere fruibili i due siti ai visitatori.

Il promontorio di Is Mortorius
Il promontorio di Is Mortorius

Il via libera ai turisti era previsto già la scorsa primavera in occasione di Monumenti aperti, ma proprio alla vigilia dell'iniziativa i vandali avevano completamente devastato la batteria militare, appena restaurata dalla Conservatoria delle coste.

Il Nuraghe e la batteria sono parte importante di quel polo museale che il Comune vuole realizzare unendo virtualmente il centro alla costa, in un percorso che parte dall'ex convento dei cappuccini e da Sa Dom'e Farra per arrivare appunto a Is Mortorius.

L'articolo completo su L'Unione Sarda in edicola

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • semur 21/03/2017 22:28:05

    e quello sarebbe un nuraghe? sono massi messi a ...
  • marco1975 19/03/2017 21:22:09

    Inutile rivalorizzare se non si predispone un adeguato servizio di sicurezza e prevenzione contro atti di vandalismo. Gli idioti che hanno fatto lo scempio nel promontorio di is mortorius non aspettavano altro. Quella è una zona bellissima ma degradata in quanto fortemente frequentata da signori poco raccomandabili. Inutile far finta di nulla. Furti, atti osceni, isolamento sono elementi di casa nella zona. Il Comune realizzi i lavori ma predisponendo adeguata vigilanza.