Cronaca » Provincia di Milano

Strage di Berlino: la famiglia di Anis Amri reclama la salma

Venerdì 17 Febbraio alle 10:22 - ultimo aggiornamento alle 12:16


Il luogo dell'uccisione di Anis Amri

Sembrava che nessuno volesse il corpo di Anis Amri, il killer tunisino responsabile della strage di Berlino, ucciso dalla polizia nella periferia di Milano, invece la famiglia si è fatta avanti accusando le autorità italiane per la mancata consegna.

Sono passati quasi due mesi dall'uccisione di Anis e suo fratello Walid Amri denuncia: "Abbiamo inoltrato sedici richieste attraverso il ministero degli Esteri tunisino e ancora non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Inoltre - aggiunge – Il governo deve restituire il corpo di mio fratello in modo che possa riposare in pace nel suo Paese".

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha risposto oggi alle accuse avanzate da Walid Amri dichiarando: "Faremo tutte le verifiche del caso. L’Italia è uno Stato di diritto e in circostanze come quelle che si sono verificate vanno seguite una serie di procedure nel rispetto di tutti i poteri e gli ordini dello Stato".

Walid ha smentito inoltre le voci su una possibile ricompensa in denaro alla sua famiglia da parte dell’Isis per il martirio di Anis: "È falso, lo giuro. Per noi Anis non è un martire, ma un fratello e un figlio".

L'UCCISIONE DI ANIS AMRI A MILANO - VIDEO:

Video: L'attentatore di Berlino ucciso nel Milanese

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

1 commenti

  • wing1250 17/02/2017 13:10:11

    andassero af . in effetti qui ha ragione alfano ; questa famiglia è equivoca ,diciamo.