#CaraUnione » Bosa

La lettera: "Riscopriamo quello scrigno di bellezze che è Bosa"

Domenica 24 Settembre alle 12:10


Le vecchie case di Bosa

Pubblichiamo oggi la riflessione di un lettore circa la bellezza, ormai decadente "al pari di una splendida donna lasciatasi andare al declino", di Bosa. L'auspicio è di un progetto condiviso per un rilancio del piccolo ma prezioso centro da un punto di vista culturale, sociale, dell'accessibilità.

*********************

"Gentile redazione,

ho seguito con attenzione il dibattito sviluppatosi in questi giorni in Sardegna e originatosi da Mariano Chelo, circa l'importanza e l'urgenza di un restauro dell'orologio storico di Bosa su corso Vittorio Emanuele. Egli ha innescato forse un circolo virtuoso che auspico possa andare ben oltre l'orologio. E che pure merita questa operazione che, come ci ricorda l'artista, potrebbe costituire motivo di attrazione turistica e di riflessione culturale.

Frequento costantemente Bosa, pur non essendo bosano. La amo, la adoro. Amo il garbo della sua gente, la sua capacità di accogliere e di rimanere se stessa.

Tuttavia mi duole rivederla ogni volta al pari di una splendida donna, lasciatasi andare al declino. Decadente. Immobile.

Bosa è un unicum di bellezza, dotata com'è di una veste culturale, paesaggistica e ambientale (si pensi solo al Grifone), enogastronomica (si pensi alla Malvasia), climatica. Uno scrigno che meriterebbe un progetto, tanto di autentica conservazione quanto di rilancio. Ed in questo rilancio sono tappe fondamentali, ad esempio, il recupero del castello (perché non farlo vivere culturalmente all'interno con l'organizzazione di eventi?), del teatro-cinema (chiuso da anni), la realizzazione di un programma culturale adeguato, coordinato e non estemporaneo, il monitoraggio del decoro e della pulizia del centro storico e non, il completamento della pista ciclabile fino a Bosa marina, l'apertura di un centro sportivo fruibile da tutti, il recupero della tratta dei binari del trenino verde sino alla vecchia stazione.

Non è possibile affidare il rilancio di Bosa a 'wine festival' o a 'beer festival' – che se fossero, fra l’altro, descritti in sardo o in italiano, anziché in inglese, sarebbe senz’altro un giovamento per tutti - disseminati a zonzo con un profluvio di rifiuti di plastica sparsi ovunque. O a manifestazioni pur ottime (corto di animazione, teatrali) ma poco reclamizzate.

Quello che manca è un vero progetto condiviso, che Bosa merita. Tutti quelli che amano Bosa lo chiedono.

Si apra un'Agorà di Bosa e si chiamino in un fine settimana tutte le associazioni, gli esponenti della cultura e altre personalità di spicco, per fare proposte. Si raccolgano le proposte e le migliori si realizzino!".

Cordiali saluti,

Marcello Adriano Mazzola

************************

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie; non necessariamente ne condivide il contenuto riportato dai lettori che si assumono la responsabilità di quanto scrivono)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • user234115 25/09/2017 15:43:48

    Vorrei approvare l'opinione dell'autore sulla bellezza di Bosa. Non sono Bosano neanch'io (sono belga). Ho visitato molti luoghi belissimi in IItalia, ma Bosa è uno dei luoghi più belli che abbia mai conosciuto. Ero a Bosa durante le festività della Nostra Signora di Regnos Altos il mese scorso. Che organizzazione meravigliosa. Sono d'accordo con i miglioramenti proposti per salvaguardare questa città da eventuali danni alla sua belezza. Eric Putzeys Belgio.
  • sar2010 25/09/2017 08:20:20

    Il trenino verde? Si, io inizierei proprio dal recupero del binario, che, stoltamente, venne abbandonato. Il turista deve arrivare in treno nella città di Bosa!