Calcio » Provincia di Udine

La morte di Astori, la famiglia chiede silenzio: "Rispettate la memoria di Davide"

Mercoledì 13 Giugno alle 14:36


Davide Astori

Dopo giorni in cui si rincorrono le notizie sulle possibili cause del decesso di Davide Astori, la famiglia del capitano della Fiorentina ed ex giocatore del Cagliari - morto in una stanza d'albergo a Udine lo scorso 4 marzo - chiede il silenzio stampa sul caso.

"In segno di rispetto per Davide, oltre che per noi, chiediamo che venga mantenuto il silenzio più rigoroso relativamente alle indagini in corso da parte della Procura", hanno fatto sapere i parenti del calciatore.

In particolare i familiari si soffermano sulle "notizie diffuse nei giorni scorsi", che risulterebbero "estremamente confuse, contraddittorie e fuorvianti, poiché tutte le informazioni desunte da approfondimenti clinici e relazioni medico-legali non sono ancora state pubblicate, al punto che neanche noi ne siamo a conoscenza".

Nelle scorse ore infatti sono state diffuse dai media diverse e contrastanti informazioni sulle cause della morte del calciatore.

Alcune giornali avevano riportato la notizia che Astori soffrisse di una malattia cardiaca mai diagnosticata.

Inoltre, nei giorni scorsi erano state rese note delle indiscrezioni sui risultati dell'ultima perizia medico-legale, secondo cui il calciatore era deceduto non in seguito a un episodio di bradicardia (progressivo rallentamento dei battiti cardiaci fino alla morte), ma per tachiaritmia, ovvero un'improvvisa accelerazione del cuore.

I RISULTATI DELLA PERIZIA MEDICO-LEGALE:

(Unioneonline/F)

 
davide astori
Caso Astori, la perizia medico-legale: "Non è morto nel sonno"

 
davide astori
Morte Davide Astori: "Aveva una patologia cardiaca"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook