Atletica » Tempio Pausania

Filippo Tortu, il velocista dal sangue sardo, sfiora il record di Mennea

Mercoledì 23 Maggio alle 20:12


Filippo Tortu al Golden Gala di Roma nel 2017

Ha le ali ai piedi Filippo Tortu. Da oggi, è il secondo sprinter azzurro di sempre alle spalle della leggenda Pietro Mennea.

Il velocista azzurro dal sangue sardo - il padre è originario di Tempio Pausania - dopo il già ottimo 10.09 in batteria ha fatto registrare un fantastico 10.03 nei 100 metri del meeting internazionale di Savona.

Insomma, il campione europeo under 20 è volato ad appena 2 centesimi dal record italiano dell'indimenticabile "Freccia del Sud".

Orgoglioso delle origini della sua famiglia, Tortu ha fatto tremare, dall'ormai lontano 4 settembre del 1979, quel 10.01 sigillato da Mennea a Città del Messico, a 2200 metri d'altitudine.

Il giovane atleta lombardo delle Fiamme Gialle ha comunque letteralmente frantumato il primato italiano under 23, fino ad oggi detenuto da Carlo Boccarini, grazie al 10.08 segnato a Rieti il 9 maggio 1998.

(Unioneonline/DC)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • ziaCAGLIARI 03/06/2018 14:37:47

    Mentre si distruggono le piste di atletica in Sardegna, vedi il Sant’Elia, ci si vanta del “sangue sardo” dimenticando che i sardi emigrano per primeggiare, fuggono via dal deserto chiamato Sardegna. il deserto è il vuoto in ogni settore. Non vedremo mai un velocista sardo, nato e cresciuto in Sardegna, allenato in Sardegna, che primeggia in Sardegna. Abbiamo tutti sangue mesopotamico, altro che sardi! Altro che italiani! Grazie LOMBARDIA per aver coltivato questo talento. ziaCAGLIARI
  • ziaCAGLIARI 03/06/2018 14:25:04

    Che si organizzi una spedizione a CITTA' DEL MESSICO e vedremo il TORTU battere il MENNEA con il tempo di 9,80. Con l'aria rarefatta si guadagnano 20 centesimi di secondo. Purtroppo non sono io l'allenatore di questo velocista, non sono neanche il presidente della Federazione di Atletica, non sono neanche il direttore di questo giornale; quindi dovremo attendere l'infortunio di TORTU ed aspettare il prossimo vicino a MENNEA.... fra 20 anni. ziaCAGLIARI
  • tmart 01/06/2018 19:59:59

    Rassegnatevi........ Wgrillo ha comunque ragione, soprattutto in questo periodo, c è molto da aspettare perché abbia ragione wrenzi.
  • julian10 01/06/2018 18:08:44

    Filippo Tortu intervistato da SKY alla domanda: ma lei che e' nato in brianza si sente lombardo o Sardo. Risposta: Io mi sento Sardo. e SKY, "ma non si sente Brianzolo? Risposta, no mi sento Sardo, punto.
  • figueras 24/05/2018 16:15:41

    WGRILLO si scrive 200 m piani
  • GOLORITZE 24/05/2018 12:12:46

    WGrillo 23/05/2018 21:41:59 mi spiega il senso della sua affermazione ? l'articolo dell'US non dice che Filippo Tortu è meglio di Mennea, dice che ha fatto un tempo a 2 decimi dall'attuale record italiano sui 100 metri realizzato da Mennea in quota nel 1979 all'età di 27 anni, mentre Tortu ne compie 20 il prossimo 15 giugno
  • sonchry 24/05/2018 11:32:19

    @wgrillo il tuttologo sapientone sapientino....ovviamente col record del mondo dei 200 si può dire che quella era la sua specialità...a livello mondiale!!!....a livello europeo e sopratutto a livello italiano se nessuno finora è riuscito a eguagliare mennea vuol dire che anche nei 100 non era malaccio. O voi grillini da tastiera riuscite a fare meglio?
  • WGrillo 23/05/2018 21:41:59

    Ok, ma la specialità di Mennea non erano i 100 metri ma i 200 dove dava il meglio di sè per le sue caratteristiche fisiche