Calcio

Le pagelle rossoblù, si rivede un buon Ionita

Domenica 22 Aprile alle 14:24


Pavoletti col numero 30

Alla Sardegna Arena la sfida col Bologna per la salvezza è finita 0-0.

Ecco le pagelle dei rossoblù.

Cragno 6,5: graziato da Verdi, molto attento tra i pali e nelle uscite basse;

Pisacane 6: alterna chiusure decisive a fughe in avanti, cerca il gol di testa;

Ceppitelli 6: prova con rare sbavature, sui suoi standard.

Castan 6: non sempre preciso in impostazione, meglio in chiusura.

Faragò 6: dal suo piede partono le poche iniziative pericolose del primo tempo e nel secondo tempo intensifica l'azione senza risultare decisivo.

Ionita 7: bentornato! Si ricorda delle proprie capacità e gioca finalmente senza paura. Esce sfinito, con i crampi, ma la sua prova è l'unica notizia incoraggiante della giornata.

Barella 6: primo tempo anonimo, entra pian piano nel vivo del gioco ma non riesce a essere incisivo come altre volte.

Cigarini 6,5: il Bologna chiude bene e Poli lo impegna in copertura più di quanto non faccia l'ex Crisetig. Però il compito lo svolge bene, con qualche spunto di classe.

Padoin 6: sulla fascia si propone con costanza ma non con efficacia, anche perché i compagni non lo cercano con altrettanta puntualità.

Sau 6,5: molto mobile ma anche macchinoso, cresce nel secondo tempo segna un gol (regolare), ne sfiora un altro e viene sostituito (su sua richiesta?) nel momento migliore.

Pavoletti 5: l'errore a porta vuota è grave, anche se segnare non era così facile come sembra. Paga l'imprecisione dei compagni che lo cercano con palloni difficili da giocare. Però le opportunità per segnare non gli mancano.

Han 5: entra per un pimpante Sau e non vede palla.

Lykogiannis sv: dodici minuti senza farsi notare.

Romagna sv: entra al novantesimo.

Lopez 5,5: schiera la squadra più affidabile che ha a disposizione, ma continua a pagare una insostenibile sterilità offensiva. Un punto è meglio che nulla e gli episodi non gli girano a favore, certo, ma sarebbe stato bello vedere una prestazione più coraggiosa dopo la vergogna di San Siro.

Anche perché nella giornata che doveva essere risolutiva, la strada si è fatta più in salita.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

17 commenti

  • markEmill 24/04/2018 13:31:48

    Tuv...I detrattori di Rastelli non sono mai spariti...Il fatto è che passare da Rastelli a Lopez non ha cambiato nulla...anzi ha addirittura peggiorato le cose... Ma questo NON TOGLIE che già con Rastelli fossero pessime...Il fatto di continuare a tirare in ballo Rastelli nonostante non abbia mai dato un gioco alla squadra, abbia ottenuto il record rossoblu di manite in casa e fuori, e il record europeo dell'anno di reti subite, la dice lunga sulla sottomissione che noi sardi ci tiriamo addosso
  • margiani3 24/04/2018 08:52:01

    ti pagano per farlo. Quando t pagano sei un professionista e come tale t devi comportare e te non lo stai facendo, togli il disturbo a fine stagione insieme alle zavorre. SCETTI CASTEDDU ARENA. Voto a LOPEZ 2 (pessimo)
  • margiani3 24/04/2018 08:50:11

    Lopez: Appena arrivato sembrava dovesse essere il nostro nuovo Allegri rianimando giocatori ormai in arresto cardiaco da troppo tempo. Con il passare del tempo sono ripiombatti tutti in arresto cardiaco. Questo significa che il medico addetto alla rianimazione non era tanto preparato. Ergo LOPEZ a fine stagione un bel posto in società ma lontano dalla panchina non riesci a tirare fuori nulla dagli interpreti grinta attaccamento alla maglia professionalità. Il calcio è un gioco ma non quando
  • tuv 23/04/2018 09:44:02

    Dove saranno finiti i tanti detrattori di Rastelli? L'anno scorso a quest'ora, mi guardavo le partite in beata tranquillità, quest'anno non riesco a guardarle, mi arrabbio troppo. Speriamo che finisca presto e bene, questa tortura.
  • alberyco 23/04/2018 08:52:05

    sono dispiaciuto, non voglio rivedere il Cagliari in serie b. colpa di allenatori e dirigenti incompetenti. forza casteddu sempre. speriamo
  • trutili 23/04/2018 07:52:00

    Certo che e veramente penoso, assistere ad un incontro che alla fine può essere decisivo. vedere giocatori giovanissimi fermi, sempre nascosti, o dietro gli avversari o dietro i compagni,e ogni qualvolta hanno la palla tra i piedi la passano indietro.Ma sono stanchi dicono gli addetti ai lavori, ma fatemi il favore, a Barella se non trova un allenatore che gli dia quattro sculacciate farà la fine di altre promesse che sono passate a Cagliari troppo montato tutto fumo e niente arrosto, in panchina
  • 0Salvatore0 23/04/2018 06:27:00

    Sono d'accordo, Lopez sta rovinando tutto quello che Rastelli aveva costruito e seminato, antisportivo con l'inter, figuraccia poi senza benefici col Bologna, A quest'ora con Rastelli avremo avuto una squadra assestata e con gioco più offensivo e con almeno 6 punti in più, ... chi voleva lopez (Giulini conpreso) pianga se stesso.
  • isprone 22/04/2018 20:32:43

    Non riesco a capire perchè questo allenatore non si dimette.
  • Frabosa67 22/04/2018 18:17:58

    Lopez ti voglio bene, ma bai a ciccai Cucuzzua ca esti mellusu!!! se ci salviamo e per demerito delle altre e non per merito e carattere nostro. Vergogna!!!!! Cagliari impara da Benevento e Crotone.
  • user226616 22/04/2018 18:01:55

    anche Pavoletti, pagato una cifra esagerata, bravo di testa ma con i piedi ,uno dei peggiori attaccanti di serie A..pero',prende uno stipendio da Top PLAYER..