Calcio » Provincia di Roma

Olimpico amaro per il Cagliari
Roma in gol nel recupero: 1-0

Sabato 16 Dicembre 2017 alle 21:33 - ultimo aggiornamento Domenica 17 Dicembre 2017 alle 07:22


Nainggolan in azione

Nessuna vittima sacrificale, nessun atteggiamento remissivo. Il Cagliari, al di là di come è finita la partita di questa sera all'Olimpico con un gol-beffa subito proprio agli sgoccioli di gara, si è presentato a ranghi stretti e con grande voglia di combattere contro una Roma che, consapevole della sua forza, ha messo in campo tutto il suo valore.

A partire dal fischio di inizio, i rossoblù sono stati prima travolti dall'onda giallorossa, ma hanno chiuso sempre bene gli spazi sulle folate su entrambe le fasce, con Kolarov, Nainggolan da una parte e Schick e Florenzi dall'altra.

Poi, il Cagliari ha cominciato ad alzare la testa e a capire che sì, c'era un po' di spazio per qualche giocata e invenzione, con un buon Barella e con un intraprendente Ionita, mentre Pavoletti - il solito leone - ha provato a farsi largo tra le linee della difesa della Roma.

Così il primo tempo si è chiuso senza grandi scossoni, nonostante gli insistiti attacchi degli uomini di Di Francesco, che nella ripresa hanno rimesso in gioco lo stesso copione.

I rossoblù, però, si sono sempre fatti trovare pronti, con Barella che è cresciuto di minuto in minuto e con la voglia di giocare sempre palla a terra, rallentare il ritmo del gioco e provare a farsi vedere in avanti.

All'8' minuto arriva l'episodio che spacca la partita: Cragno para un rigore tirato malissimo da Perotti. Da qui il Cagliari prende consapevolezza e cerca in tutti i modi di portare la partita in porto, sfornando buone prestazioni dietro (buona la gara di Van der Wiel) e qualche puntata in avanti.

La gara però cambia segno, e in maniera definitiva, proprio quando si pensava che potesse finire con un punto d'oro guadagnato all'Olimpico: Fazio arriva in area dopo una ribattuta e deposita la palla in rete.

Gol col brivido, che necessita dell'intervento della Var: dopo qualche secondo di troppo di attesa arriva il verdetto. La rete è valida, il Cagliari esce sconfitto ma torna sull'Isola a testa alta.

(Unioneonline/m.c.)

LE PAGELLE:

 
cigarini e pellegrini
Le pagelle rossoblù, grande regia di Cigarini

GLI ANTICIPI:

 
la disperazione di icardi
Serie A, l'Inter cade con l'Udinese. Il Napoli vince a Torino e va in testa

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

44 commenti

  • margiani3 22/12/2017 12:44:27

    sangiorgio 21/12/2017 14:11:2 E chi ha detto che L'hai disprezzato? Ho detto solamente che le critiche vanno a scemare (come quella dei cm) Mi trovi d'accordo sull esperienza ma t ricordo che qualcuno in questo forum un certo @ thalita lo ha sempre disprezzato (solo perché prodotto Giulini) Riguardo Adani sai benissimo chi è anche perché se guardi a basso volume poi vedi lo studio. Adani uno che fa brutte figure SCETTI CASTEDDU ARENA
  • sangiorgio 21/12/2017 14:11:26

    margiani3 21/12/2017 11:21:39, non ricordo di aver disprezzato Cragno, anzi, ho sempre detto che merita di essere il titolare del Cagliari,ho sostenuto che per diventare un CAMPIONE, visto il deficit che paga in cm. deve crescere ed esere quasi perfetto in tutti i fondamentali, ecco,nell'azione del rigore mi ha dato ragione,manca com'è giusto che sia alla sua età dell'esperienza e della furbizia necessaria, sul gol non sono d'accordo con nessuno,guardo le partite senza audio,meglio. Adani chi è?
  • margiani3 21/12/2017 11:21:39

    sangiorgio 20/12/2017 18:04:18 Effettivamente sul rigore rivedendolo con calma t posso dare ragione. Era rigore, riguardo il tocco col braccio scusami ma dissento totalmente, se poi t vuoi unire a Adani d Sky fallo pure, ma sappi che non farai una bella figura.. Pero noto con piacere che le critiche su Cragno vanno a scemare. Anche perché uno che parà un rigore in quel modo vuol dire che ha una reattività fuori dal comune. SCETTI CASTEDDU ARENA
  • sangiorgio 20/12/2017 18:04:18

    margiani3 19/12/2017 10:16:26 Mi trovo d accordo ovviamente.........., detto che ormai si sa che gli episodi dubbi pendono sempre dalla solita parte,non sono d'accordo sull'episodio del rigore,secondo me netto,li è stato poco razionale cragno,in queste cose come già detto deve crescere se come dici tu vuole diventare un campione, bastava accompagnarlo all'esterno, il gol francamente non riesco a decifrarlo, non so cosa prevede il regolamento,che è molto cambiato negli anni, spero nell'equilibrio
  • brunobruno 20/12/2017 00:08:24

    Credo che sia inutile arrabbiarci tra di noi per queste scandalose decisioni arbitrali quando fuori dalla Sardegna nessuno commenta questi episodi. Leggendo i maggiori quotidiani sportivi e no del resto d'Italia ci accorgiamo che i giornalisti sono sempre allineati verso le squadre più potenti economicamente e per numero di tifosi. C'è poco da discutere siamo un popolo di mafiosi. C'è poi il problema SKY sempre dalla parte del più forte. Ho disdetto l'abbonamento per protesta spero che altri
  • margiani3 19/12/2017 10:17:17

    in quell'episodio non è stata nemmeno considerata. MA DI CHE CAVOLO VOLETE PARLARE!!
  • margiani3 19/12/2017 10:16:26

    Mi trovo d accordo ovviamente con @Zio Franky. Inutile parlare dei nostri errori che hanno prima scatenato un rigore (INESISTENTE) e un goal con mano da (ANNULLARE) tutta la vita. Se questo è il metodo che applicano gli arbitri con la VAR... Bè meglio che le partite con le grandi non si giochino tanto in un modo o nell' altro le fanno vincere. Vi ricordo che a Torino contro la Juve c hanno dato un rigore con la VAR e poi subito dopo la Juve ha fatto un goal con Dybala in fuorigioco e la VAR
  • imparitotusu 17/12/2017 18:56:23

    visti i risultati pomeridiani, la situazione per il cagliari si mette male. basta un pari in casa con la viola e verremo risucchiati in piena zona retrocessione. per forza su 4 partite solo due punti. e non venitemi adire " ma il calendario era difficile", ma quando mai...e allora il verona col milan, l'udinese con l'inter e il sassuolo con la samp, che in 10 minuti ci ha maesso ko in casa, rimediata solo dalla pallonata su farias. basta pensare che determinate partite sono perse in partenza.
  • user222836 17/12/2017 17:24:18

    a una tifoseria che non meritava questo. Pensate un po' ora dove saremmo se dopo il Genoa fosse ancora rimasto Rastelli: uno che con una squadra di due Categorie superiori riuscì a perdere in casa di fila in Serie B con Novara, Perugia e Spezia, ma che aveva vinto il campionato e andava confermato. Speriamo che questo presidente abbia imparato una volta per tutte che gli errori vanno ammessi e non perpetrati nel tempo!
  • user222836 17/12/2017 17:21:16

    Sassuolo, Chievo e Genoa che il fenomeno ha fatto volare a suo tempo. Nel ritorno avremo tutte trasferte negli scontri diretti: Crotone, Sassuolo, Genoa, doppia Verona, ricevendo solo la Spal e da qui a quelle sfide avremo Fiorentina, Atalanta, Juventus e Milan. Speriamo che il buon Diego sappia traghettarci verso una salvezza che diventa sempre più difficile ogni domenica e che nel mercato di gennaio Giulini faccia qualcosa per dare un aiuto dopo aver imposto una sciagura di tecnico per 3 anni