Economia » Sardegna

Maialetto sardo, le polemiche: "Una bufera in un bicchier d'acqua"

Martedì 21 Agosto alle 20:34


L'assessore Pier Luigi Caria

Nessun pericolo per l'allevamento e il consumo del maialetto sardo: a dirlo è Pier Luigi Caria, assessore regionale all'Agricoltura, che interviene sulle polemiche nate dopo l'approvazione della nuova legge sulla suinicoltura del 2 agosto scorso.

Secondo i dati più recenti, su un totale di 15.788 allevamenti registrati in tutta l'Isola, poco più di 300 sono allevamenti di tipo famigliare per l'autoconsumo e la legge prevede che si possano detenere 4 capi non riproduttori. Ma non esiste alcun impedimento per la registrazione all'anagrafe dei suini, anche con i pochi capi presenti nelle aziende, in modo da poter detenere riproduttori e lavorare per l'autoconsumo e la vendita.

"Il tam tam sui social network alimentato in questi giorni - spiega Caria - è una bufera all'interno di un bicchiere d'acqua che, veicolata sulla rete, ha raggiunto livelli di disinformazione paurosi".

"Nelle direttive di attuazione del provvedimento, che l'assessorato ha iniziato a elaborare - aggiunge -, saranno meglio chiarite le modalità e le procedure da seguire".

Caria ricorda poi che la legge è frutto di un lavoro preciso e costante portato avanti dalla Commissione Quinta e dai tanti consiglieri coinvolti che, con centinaia di ore di lavoro, hanno ascoltato tutti i portatori di interesse del comparto: dagli allevatori ai trasformatori passando per le diverse associazioni di categoria.

"La tradizione millenaria delle nostre produzioni suine non è minacciata da questa legge - precisa - ma da decenni di Peste suina africana, che per troppo tempo ha condannato la nostra Isola a embarghi vergognosi che hanno mortificato la straordinaria operosità dei nostri allevatori. Superiamo questa fase di incomprensione e mettiamoci tutti al lavoro per rilanciare un comparto dalle tante e troppe potenzialità di sviluppo ancora inespresse".

(Unioneonline/s.s.)

 
nello cappai sindaco di guamaggiore
Legge sui maiali: la rabbia del sindaco di Guamaggiore

 
tore piana
Porcetto sardo, Piana contro la legge regionale: "Distrugge una tradizione millenaria dell'Isola"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Giano 31/08/2018 05:12:40

    Che senso ha parlare di maialetto sardo? Non esiste più, scomparso. E' lo stesso maialetto che si trova in Emilia, Lombardia, Veneto. Cominciate a capire adesso (dopo 50 anni) la fesseria stratosferica che avete fatto a sostituire i nostri maiali con quelli emiliani, giusto perché avevano meno lardo e più carne? Risultato? Maiale, vitello, tacchino, hanno tutti lo stesso gusto; sanno di niente. Tanto vale mangiare tacchino; è più tenero e costa meno. Contenti?