Cultura » San Vero Milis

San Vero Milis, c'è l'ok per il gemellaggio spirituale con Es Fornell

Martedì 11 Settembre alle 16:03


La Madonna di Spagna

San Vero Milis sempre più vicino alla cittadina di Es Fornell, nell'Isola di Minorca.

I due paesi hanno stretto un gemellaggio spirituale grazie alla Madonna di Spagna.

Il simulacro venne ritrovato il 10 aprile del 1937 da un pastore di Narbolia sulla spiaggia di Is Arenas.

La statua era danneggiata dalle intemperie e presentava delle vistose bruciature. Erano stati i fedeli a salvare la statua dalla guerra civile che stava insanguinando la Spagna. Da varie ricerche, infatti, si scoprì che qualcuno la affidò al mare e che le correnti la fecero sbarcare sulle coste della Sardegna, esattamente nel territorio sanverese.

Da qui il gemellaggio chiesto e voluto dal parroco di San Vero Milis don Ignazio Serra, che nei mesi scorsi ha scritto una lettera al parroco spagnolo don Miquel Romero. Il sì è arrivato pochi giorni fa. Romero sarà in visita a San Vero Milis il 10 maggio, durante le prossime celebrazioni in onore della Madonna.

Intanto un paio di mesi fa, grazie all'emittente radiofonica Radio Cope Menorca, le celebrazioni a San Vero Milis sono state seguite anche nell'Isola di Minorca.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • sardotoni 12/09/2018 13:24:46

    Il simulacro venne trovato da un giovane servo pastore di 17 anni di San Vero Milis, e venne depositato nella capanna, dove vivevano durante il periodo di pascolo nel sinis, IL padrone del gregge era di Narbolia! Che una volta visto la statua, la prese e la porto' a casa sua a Narbolia. Questa è la vera storia raccontata tante volte da mio zio " il trovatore" della statua. Per questo motivo la fama del ritrovamento spetta a San Vero Milis e non a Narbolia.