Cultura » Macomer

Macomer, nasce il Centro Studi della Sinistra Italiana

Martedì 04 Settembre alle 11:50 - ultimo aggiornamento alle 12:29


Gianluca Taccori

Nonostante le difficoltà del momento dei partiti politici della sinistra, a Macomer decolla un'originale iniziativa.

Nasce infatti il Centro Studi della Sinistra Italiana, che ha valenza regionale.

L'iniziativa è di un insegnante dell'Istituto tecnico "S.Satta", Gianluca Taccori, 50 anni, con laurea in storia contemporanea e lettere a indirizzo storico.

Per Taccori, il Centro Studi della Sinistra Italiana sarà utile per i laureandi e per i cultori in materia di tutta l'isola, per le loro ricerche, ma anche come documentazione storica per la politica in generale, poiché il centro dispone di tanto materiale, come quello messo a disposizione dal Centro studi del Pci a Le Frattocchie, che ha dismesso i propri materiali e sta provvedendo a inviarne una parte a Macomer.

"Per il momento - dice Taccori- sono consultabili tutte le annate di 'Rinascita', rilegate, le annate di 'Lotta Continua', di 'Critica Marxista', annate della rivista 'Il Ponte', di 'Mondo Operaio'".

In arrivo anche 40 volumi rilegati di 'Paese Sera', poi ancora de 'L'Espresso', di 'Avanguardia Operaia', del 'Quotidiano dei lavoratori'. "A livello bibliografico - dice Ginaluca Taccori - sono presenti circa 10mila titoli di saggi riguardanti la politica italiana e internazionale, il Pci, il terrorismo e i movimenti degli anni 70.

Il Centro Studi della Sinistra Italiana ha sede in via Papa Simmaco, al numero 32, mentre altri locali sono in allestimento.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • gzola 04/09/2018 15:28:19

    iniziativa inutile ed anacronistica
  • Giano 04/09/2018 14:05:48

    Ecco, bravi, studiate; chissà che non vi si aprano gli occhi. Ci vorrà tempo e pazienza, perché a sinistra, notoriamente, hanno i riflessi un po' lenti; impiegano anni a capire le cose. Pensate che hanno impiegato 70 anni a capire che con la rivoluzione d'ottobre avevano sbagliato tutto. Hanno abbattuto un muro a Berlino ed hanno ricominciato a costruire la Russia com'era prima della rivoluzione. Tanto valeva lasciarla com'era; avrebbero evitato decine di milioni di morti. Studiate, studiate...
  • fausty12 04/09/2018 13:56:13

    Ma ancora oggi, dopo le esperienze degli ultimi anni, ha senso dire: sono di sinistra o sono di destra ? Oramai i tempi hanno annacquato queste due scuole di pensiero. I politici le hanno mistificate a loro personale interesse. E infine i tempi le stanno cancellando. non esiste più una politica di destra o di sinistra, dovrebbero esistere interessi per la collettività, per tutti. Se poi l'iniziativa è storia, beh all'ora ok. Ma quei significati sono inapplicabili oggi.