Cultura » Cagliari

Università di Cagliari, nominato il nuovo Consiglio di amministrazione

Venerdì 20 Luglio alle 14:12


La riunione del Senato accademico

Il Senato accademico dell'Università di Cagliari ha provveduto alla nomina, in queste ore, del nuovo Consiglio di amministrazione.

I nuovi componenti del Cda sono i docenti Riccardo De Lisa, Giuseppe Mazzarella, Valentina Onnis e Cecilia Tasca, le imprenditrici Alessandra Argiolas e Anna Ducato e - in rappresentanza del personale dell'Ateneo - Stefania Lecca.

Resta invariata la rappresentanza degli studenti, con Luca Arixi e Laura Mereu.

Il nuovo Consiglio di amministrazione si riunirà per la prima volta lunedì mattina a Palazzo Belgrano.

"Il nuovo Senato accademico è un luogo in cui discutere delle problematiche che riguardano tutto l'ateneo - ha detto il rettore Maria Del Zompo in apertura di seduta - Questo è un Senato che eredita i successi del precedente, primo tra tutti la battaglia contro i parametri iniqui con cui gli atenei come il nostro vengono giudicati. È un passaggio di consegne con valori importanti".

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user220048 20/07/2018 15:18:45

    Pensavo che il Rettore fornisse un quadro della mappa dei collegamenti parentali e amichevoli o di collaborazione esistenti nell'Ateneo. sarebbe stato un segno di voler voltare pagina. Invece sempre colpa dello Stato e non dei baroni e clientele.