Cultura » Oristano

Oristano, esame di terza media in sardo per gli alunni dell'istituto "Grazia Deledda"

Martedì 17 Luglio alle 11:57 - ultimo aggiornamento alle 14:29


Gli studenti dell'istituto "Grazia Deledda" con l'insegnante Simona Puddu

Sei alunni della scuola secondaria di primo grado "Grazia Deledda" di Oristano hanno sostenuto in sardo una parte dell'esame per il conseguimento della licenza media.

Mattia Poddighe, Alessio Mereu, Leonardo Misura, Elisa Saba e Samuele Soru, della classe III C, seguiti dalle professoresse Simona Puddu (docente interna) e Rita Trudu (esperta esterna), e Carlo Garau della classe III A hanno chiesto alla commissione esaminatrice di poter esporre una parte della tesina in lingua sarda.

"Dd'apu bòfiu fai poita ca pensu chi siat giustu, in una tzitadi innui si chistionant duas lìnguas, a ddas podi imperai ambaduas in calisisiat logu e po nai calisisiat cosa", rimarca con naturalezza Carlo Garau, destinatario nella sua famiglia di un'educazione linguistica bilingue precoce in sardo e in italiano.

Nell'anno scolastico appena conclusosi, la professoressa Simona Puddu, con la collaborazione dell'esperta Rita Trudu, ha condotto nella terza C una sperimentazione per l'utilizzo della lingua sarda in orario curricolare nell'insegnamento delle scienze.

In particolare, è stato approfondito lo studio della geologia della Sardegna e, per quanto riguarda la biologia, quello delle molecole della vita e l'ereditarietà. "Abbiamo parlato dell'origine del sistema solare, della struttura della Terra, della tettonica a zolle, di terremoti e di vulcani - ricorda la docente Simona Puddu - fino ad arrivare alla storia geologica della Sardegna, analizzando era per era le trasformazioni subite dall'Isola nel corso di milioni di anni e guidando i ragazzi nella conoscenza delle principali rocce presenti nel nostro territorio. L'aver sviluppato questi argomenti in sardo è stata un'esperienza formativa utile ed entusiasmante, dalle molteplici valenze", sottolinea la professoressa.

L'Istituto comprensivo 3 ha in passato svolto analoghe sperimentazioni, anche nella scuola dell'infanzia e in quella primaria.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • tamburello 18/07/2018 18:32:01

    Imparassrro l inglese...col sardo oltre il mare non si va...
  • user215650 18/07/2018 07:55:34

    Ma per favore...cose che continuano a generare solo buzzuerimine...Non sanno l'italiano...e se ascolti bene nemmeno il sardo. Spacciano in realtà un finto.sardo...con tanti vocaboli italiani sardizzati...basta
  • Giano 18/07/2018 06:09:24

    @quintimoro. la difficoltà è che il termine "ambaduas" in sardo non esiste. Tutto qui. Non basta prendere un termine tipicamente italiano come "ambedue", sardizzarlo in "ambaduas" e spacciarlo per sardo. E' semplicemente ridicolo. E' il procedimento inverso all'uso del "italianu porceddinu" di una volta; quello usato da Ziu Paddori nella omonima commedia di Melis. Oggi che va di moda riscoprire la lingua sarda si "sardizza l'italiano". Ma non è sardo, è "sardo porcellino".
  • quintimoro 17/07/2018 22:38:02

    Sono cmq del parere che il nostro idioma, non dovrebbe avere bisogno di essere insegnato nelle scuole. lo si dovrebbe parlare a casa. Io sono nato e cresciuto in un paesino dove tutti i bambini parlavano sardo, come lo facevano i nostri genitori, e non ho avuto nessuna difficoltà nell'imparare l'italiano o altre lingue straniere. Altre regioni fanno della loro parlata un motivo di orgoglio (vedi Trentino alto Adige ) perché per noi sardi dovrebbe essere diverso?
  • quintimoro 17/07/2018 20:35:02

    @Giano Ambaduas o ambas duas, significa semplicemente ambedue, o, se più ti piace, tutte e due, dovè la difficoltà ?
  • Giano 17/07/2018 17:15:31

    Ci risiamo con la lingua sarda. Rispetto e complimenti per la buona volontà dei ragazzi. Ma, per curiosità, sapete dirmi in quale vocabolario sardo hanno trovato il termine "ambaduas" e cosa significa?