Cultura » Cagliari

Intelligenza artificiale, l'Università di Cagliari guarda al futuro

Martedì 23 Gennaio alle 15:46


Un'immagine dal progetto ALOHA

Dispositivi elettronici intelligenti, in grado di imitare le funzioni biologiche del cervello umano per apprendere dall'esperienza e reagire in autonomia a ciò che accade nell'ambiente circostante. In sostanza, calcolatori che acquisiscano capacità di apprendimento paragonabili a quelle dell'essere umano e possano riconoscere e classificare con estrema precisione e rapidità immagini, video, suoni e sequenze.

Su questi scenari, ormai non troppo lontani, lavora un progetto speciale (ALOHA - Software framework for runtime-Adaptive and secure deep Learning On Heterogeneous Architectures), finanziato dall’Unione europea nell'ambito del programma "Horizon 2020" con circa 6 milioni di euro e di cui 500mila destinati alle attività che verranno svolte dall'Università degli Studi di Cagliari.

Per l'avvio della fase operativa, al tavolo con i ricercatori dell'ateneo del capoluogo sardo, il 25 e 26 gennaio, nella sala Consiglio del Rettorato, si siederanno 14 partner, tra cui colossi del calibro di STMicroelectronics, IBM e CA Technologies.

Oggetto di studio dei ricercatori coinvolti è una classe di algoritmi di intelligenza artificiale, nota come "Deep Learning", che imita i meccanismi tipici delle reti neurali biologiche. L'obiettivo è l'introduzione dell'intelligenza artificiale basata su "Deep Learning" in tutti i dispositivi elettronici che permeano la vita quotidiana, in casa, nelle città e nei posti di lavoro. A tale scopo, il progetto ALOHA mira ad abilitare l'uso del Deep Learning, per ora limitato a server ad alte prestazioni, su sistemi di elaborazione specializzati di nuova generazione, mobili, portatili e a bassissimo consumo di potenza, aprendo la strada verso una nuova e vastissima gamma di applicazioni.

I risultati del progetto verranno testati in molteplici ambiti. In un primo esperimento, verranno studiati impianti di sicurezza intelligenti, basati sul riconoscimento di video e immagini, da utilizzare in aree di emergenza. Una seconda linea di ricerca prevede lo studio di speciali catene di montaggio "cognitive", in grado di reagire in modo rapido e affidabile ai comandi vocali degli operatori, risultando più sicure e confortevoli. Infine, verranno sviluppati dispositivi medici portatili, atti ad analizzare immagini mediche in condizioni critiche (senza accesso a reti di comunicazione, a batteria), come necessario per esempio negli scenari clinici dei paesi del Terzo mondo o per operazioni di soccorso in caso di calamità o situazioni disastrose.

Il coordinatore scientifico del progetto è Paolo Meloni, ricercatore di EOLAB - Laboratorio di Microelettronica e Bioingegneria del Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica dell'Università degli Studi di Cagliari.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook