Cultura » Alghero

Cammini e percorsi, dieci proposte per Alghero

Venerdì 15 Dicembre 2017 alle 18:35 - ultimo aggiornamento Venerdì 15 Dicembre 2017 alle 19:47


Punta Giglio

Fa gola a molti l'ex batteria aerea di Punta Giglio ad Alghero.

Per il rilancio in chiave turistica della struttura che si trova all'interno del parco regionale di Porto Conte, l'Agenzia del Demanio ha ricevuto dieci proposte, di imprenditori italiani e stranieri.

Si è chiusa la prima fase del progetto "Cammini e percorsi", il bando dello Stato a sostegno dell'imprenditoria giovanile e del terzo settore che vuole affidare una serie di beni immobili in concessione gratuita per 9 anni a imprese, cooperative e associazioni costituite in prevalenza da under 40.

Obiettivo: promuovere il turismo lento con il recupero di edifici pubblici che si trovano su percorsi ciclopedonali e tracciati storico-religiosi.

Nei giorni scorsi - fa sapere l'Agenzia del Demanio - si è tenuta la prima seduta della commissione di gara che aggiudicherà gli immobili: sono 47 le offerte fatte per i siti di tutta Italia, 14 dall'estero, e l'ex postazione militare di Alghero (comprende 13 edifici della Seconda guerra mondiale distribuiti su un'area di otto ettari a picco sul mare) è quella che ne ha ricevuto di più, dieci richieste, una da Parigi.

Prossimi step a metà gennaio, con l'apertura delle offerte.

Le valutazioni della commissione "si baseranno sulla qualità dei progetti presentati, soprattutto in riferimento alla filosofia dell'iniziativa: l'ipotesi di recupero e riuso del bene dovrà prevedere servizi al viaggiatore e tutelare il carattere storico e identitario dell'immobile e del contesto in cui è inserito".

"Cammini e percorsi" prosegue anche con il secondo bando, pubblicato pochi giorni fa, che mette a gara immobili di maggior pregio, da affidare in concessione di valorizzazione fino a 50 anni con un canone di affitto e un progetto sostenibile.

Nell'Isola sono: la struttura polivalente Pianu 'e Murtas a Bosa; le caserme dei carabinieri Su Grumene e Marreri, le ex scuole elementari e materne di Lollove a Nuoro; e a Ozieri la caserma dei carabinieri di via Cavour e il presidio militale Listincheddu.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user213094 16/12/2017 16:10:17

    Giù le mani dalle coste! Non esiste progetto di presunta "valorizzazione" o altro che possa ripagare la modificazione di opere ormai acquisite, per azione del tempo e degli elementi naturali dallo stesso ambiente in cui vennero edificate, del quale formano parte inscindibile. Ciò vale ovviamente in senso generale soprattutto per gli ambienti di confine con il mare, ma io penso qui soprattutto a Punta Giglio. Questa gente sta impazzendo, come in passato, non intendono rispettare niente!