Cronaca » Provincia di Palermo

Violenza sessuale post discoteca: in cella un 30enne

Martedì 11 Settembre alle 10:32 - ultimo aggiornamento alle 11:11


(foto Ansa)

I carabinieri di Partinico (Palermo) hanno arrestato un trentenne di origini tunisine accusato di violenza sessuale nei confronti di una donna del posto.

Si tratta di un giovane conosciuto col nome di Gabriele Alì che, stando alle indagini, avrebbe violentato una coetanea palermitana nella notte del 19 novembre 2017.

Secondo la ricostruzione della Procura della Repubblica l'aggressore avrebbe approfittato della poca lucidità della vittima (aveva assunto alcool e droghe) per poi costringerla a subire atti sessuali completi procurandole, oltretutto, diverse lesioni.

L'aggressione si sarebbe consumata nel parcheggio della Mob Disco Theatre, un locale della zona. In seguito la donna era riuscita a raggiungere (in modalità ancora non chiarite) Balestrate, in provincia di Palermo, dove è stata soccorsa e portata in ospedale a Partinico.

Determinante per il buon esito dell'indagine il dna presente sugli indumenti intimi della 30enne, compatibile con quello dell'indagato.

(Unioneonline/M)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • Prometeo59 12/09/2018 10:53:37

    Maman-ti. C'è poco da scagionare.
  • maman-ti 11/09/2018 13:43:34

    Quando si deciderà di attuare la castrazione come punizione non sarà mai troppo tardi. Attendo i commenti da parte dei razzisti al rovescio che proveranno con tutti i mezzi a scagionare il tunisino.
  • user216558 11/09/2018 11:47:04

    ...Avanti associazioni benevole coi peggiori difendete questo povero giovanotto infoiato!
  • Utente_US 11/09/2018 11:22:28

    Ci credo, le sorelle le hanno lasciate a combattere le fantomatiche guerre..