Cronaca » Gran Bretagna

Caso Skripal, mandato di arresto per due russi. May: "Sono dei servizi segreti"

Mercoledì 05 Settembre alle 13:21 - ultimo aggiornamento alle 20:32


La polizia britannica ha fatto sapere di avere sufficienti prove per incriminare due cittadini russi, sospettati di essere i responsabili dell'avvelenamento con un agente nervino dell'ex spia russa Sergei Skripal e della figlia Yulia a Salisbury.

Il fatto risale allo scorso marzo.

Lo ha annunciato il numero due di Scotland Yard, Neil Basu, indicando i due come Alexander Petrov e Ruslan Boshirov.

Forse entrambi viaggiavano sotto falso nome.

La procuratrice Sue Hemming ha spiegato che al momento Londra non intende chiederne a Mosca.

Petrov e Boshirov risultano arrivati nel Regno Unito in aereo dalla capitale russa due giorni prima dell'avvelenamento, il 4 marzo.

MAY: "SONO DEI SERVIZI SEGRETI" - Secondo la premier britannica Theresa May i due russi sotto accusa sono "agenti dei servizi militari russi del Gru", "un'organizzazione estremamente disciplinata, con una catena di comando ben definita".

Il primo ministro britannico ha inoltre affermato che l'operazione "quasi certamente è stata autorizzata anche all'esterno del Gru, a un alto livello dello stato russo".

Dopo essere stati ricoverati per giorni in ospedale, Sergei e Yulia Skripal sono stati dimessi dopo che le loro condizioni di salute sono migliorate.

Nei mesi scorsi il caso dell'ex spia russa ha scatenato una guerra diplomatica tra la Gran Bretagna e il Regno Unito, che ha portato all'espulsione di diplomatici da parte di entrambi i Paesi.

CASO SKRIPAL, IDENTIFICATI I RESPONSABILI:

(Unioneonline/F)

 
la scientifica inglese a salisbury dove avvenuto l attacco
Caso Skripal, identificati gli avvelenatori dell'ex spia di Mosca: "Sono russi"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • glonas 05/09/2018 14:45:36

    Nessun credito alle bugie dei criminali della perfida Albione