Cronaca » Marmilla e Giare

I sindaci della Marmilla: "È stata calamità naturale. La Regione ci aiuti dopo il maltempo"

Sabato 25 Agosto alle 15:27


Il centro urbano di Barumini invaso dall'acqua

"In Marmilla è stata calamità naturale": lo hanno dichiarato le Giunte dei paesi del territorio colpiti negli ultimi giorni dalle terribili bombe d'acqua pomeridiane.

Delibere approvate dalle Giunte municipali di Barumini, Gesturi, Las Plassas, Segariu, Villanovafranca e Sanluri. L'esecutivo di Furtei lo farà la settimana prossima.

Tutte le amministrazioni si aspettano l'intervento immediato e aiuti economici urgenti dalla Giunta regionale.

A Sanluri danni nella parte bassa del paese e nella borgata di Sanluri Stato con un canale esondato e campi di foraggere allagati.

A Villanovafranca praticamente cancellata la viabilità rurale.

Strade di campagna compromesse anche a Gesturi e Segariu.

"Noi abbiamo registrato danni danni alle campagne soprattutto vicino al fiume in località Rio Pau, ad alcune strade rurali, ma anche al cantiere dei lavori di messa in sicurezza del rio Pau", ha riferito il sindaco di Segariu Andrea Fenu.

A Barumini 70 case allagate nel cuore del centro urbano.

Il sindaco Emanuele Lilliu ha detto: "Ieri abbiamo iniziato i primi interventi di pulizia dei fossati e canali vicini al centro abitato e con mezzi autospurgo la pulizia di griglie e caditoie. Tutti interventi che stanno proseguendo anche oggi".

A Las Plassas danni al sistema viario comunale e a molti campi coltivati.

Antonio Pintori

***

 
la situazione a segariu
Disagi per le forti piogge anche a Furtei e Segariu

 
allagamenti a sanluri (foto gianluigi deidda)
Maltempo sulla Sardegna, via alla conta dei danni a Sanluri

 
il canale esondato
Allarme nella borgata di Sanluri Stato per un canale esondato

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • be 26/08/2018 11:24:17

    cari sindaci le statistiche dicono che importiamo l'80% dei prodotti agricoli quindi produciamo solo il 20% e su questo 20% si dovrebbe dare i soldi per la calamità naturale
  • fracheco 26/08/2018 10:33:31

    le alluvioni in Sardegna , mah! non molto tempo fà si lamentavano per lo svuotamento quasi totale del lago Omodeo e oggi per la troppa acqua , non è che per caso vogliono "moglie ubriaca e la botte piena?"
  • user220048 26/08/2018 08:42:24

    E' possibile che non vengano mai dichiarati i millimetri di pioggia. Si parla di bomba d'acqua e altre criticità. sarebbe come se si volesse definire la febbre di una persona senza misurare la febbre ma limitandosi a toccargli la fronte. La stampa deve fare un servizio pubblico non alimentare comodi alibi di Sindaci od organizzazioni agricole sempre pronte a chiedere soldi.
  • user241794 25/08/2018 16:31:49

    i comuni battono cassa... purtoppo non è colpa della regione o dello stato . ognuno si pagherà i propri.