Cronaca » Baronia

Gallura e Baronia senza acqua potabile: la protesta di residenti e turisti

Lunedì 13 Agosto alle 15:25


Emergenza a Torpè, Posada e Siniscola

Nuovo anno stessa storia in Gallura e Baronia dove per l'ennesima estate manca l'acqua potabile.

Una situazione insostenibile per turisti e residenti che sono costretti a rifornirsi ogni giorno con le autobotti.

Grande difficoltà soprattutto nel centro storico di Posada con i cittadini che si sono sfogati ai microfoni di Videolina: "Siamo arrabbiati e disgustati da questa situazione che è insopportabile per chi vive qui. Si ripete ogni anno, non chiediamo molto, almeno l'acqua potabile".

Sulla stessa lunghezza d'onda, Roberto Tola, sindaco del paese: "Non possiamo sottoporre i turisti, ma anche gli stessi residenti, al problema di non poter avere acqua potabile nel rubinetto di casa. Oltretutto, è un danno d'immagine enorme e ci vorrà tempo per rimediare".

E la situazione non cambia se ci si posta di pochi chilometri a Torpè, a Siniscola o nelle località balneari della zona.

Un'emergenza che sembra non avere fine col primo cittadino di Siniscola, Gianluigi Farris, che afferma sconsolato: "Ci dispiace tanto, perché succede ogni volta quando ci sono molte persone e turisti. Mi auguro che qualcuno intervenga, perché le persone giustamente si lamentano".

Insomma, una speranza che si rinnova di estate in estate anche se la soluzione tarda ad arrivare.

(Unioneonline/M)

***

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • Giano 13/08/2018 19:33:49

    "Mi auguro che qualcuno intervenga", dice il sindaco Farris. Chi dovrebbe intervenire? Uno a caso, il primo che passa per strada, il postino, la bidella, l'operatore ecologico, il segretario comunale, il sagrestano, chi? Tranquilli, adesso faremo l'Hiperloop, così potrete andare a Bastia in Corsica, rifornirvi di acqua potabile e tornare in 40 minuti. Contento? Intanto distraetevi con le sagre enogastronomiche, il Jazz, cinema, poesia, giocolieri, saltimbanchi e teatro di strada.
  • Candelabro 13/08/2018 18:30:29

    ....credo che gli Amministratori Pubblici dei Territori interessati, ma non solo!!! ancora una volta, in maniera Autonoma..ed Indipendente..., e senza lezioni.... da parte di nessuno!!! vogliano far veramente decollare!!! il Turismo nell'Isola, questa è la Strada Maestra!!!
  • arpier 13/08/2018 18:05:44

    La mia esperienza a La Caletta dal 1983 al 1989 è sempre stata la stessa... Terrore per le ferie perché non c'era acqua. Dal 1990 mio padre decide si cambiar rotta, prima si guardano i servizi e poi si va... Vedo che dopo anni la situazione è sempre la stessa! Quest'anno poi che non smetteva di piovere di certo non si può dire che non c'è acqua... Programmazione signori, se vogliamo turismo!!!!
  • user220048 13/08/2018 17:27:18

    Ma se i Comuni negli anni scorsi hanno tenuto reti idriche inadeguate con la previsione di un forte icremento turistico, forse oggi pensano di scaricare l'inadeguata urbanizzazione dei centri abitati su Abbanoa. Troppo comodo, ai Comuni i benefici a tutti i Sardi i costi.
  • dadaolta 13/08/2018 17:21:25

    ULTIMA ORA "Panico in Amerika! Una delegazione sarda PD+Abbanoa è in visita alle cascate del Niagara!" :-)))))