Cronaca » Russia

In Russia la "fabbrica di troll" per sostenere Lega e M5s: sotto la lente milioni di post

Giovedì 02 Agosto alle 12:32


Immagine simbolo

Una "fabbrica di troll" con base in Russia per influenzare l'opinione pubblica occidentale e, nel caso specifico, quella italiana a favore di Lega e M5s.

È quanto scoperto dal sito di statistica americano Five Thirthy Eight che ha studiato quasi tre milioni di post su Twitter provenienti dagli account associati all'agenzia russa Internet Research Agency, che ha sede a San Pietroburgo e conta 400 dipendenti.

La notizia è riportata questa mattina dai quotidiani "La Repubblica" e "Corriere della Sera" che riprendono la ricerca americana in cui si parla di circa 1500 tweet a favore del Carroccio e del Movimento di Beppe Grillo.

I "cinguettii" analizzati dal sito americano guidato da Nate Silver, con la collaborazione di alcuni docenti universitari, provengono da circa 3mila account caricati in un database aperto con tanto di autore, testo, data e tipologia di tweet, ovvero se originale o "retweet".

I file interessati dalla ricerca vanno dal febbraio 2012 a maggio 2018, seppur il picco di messaggi sia compreso fra il 2015 e il 2017.

Testi in inglese a favore di Donald Trump, ma anche molti messaggi in italiano a favore dei partiti più "populisti" e delle loro posizioni. E i troll russi per lo più rilanciano altri profili social con forte seguito tra i populisti e vicini ai loro temi.

Fra gli esempi riportati, il tweet sul figlio di Giuliano Poletti, ex ministro del Lavoro, al centro di un'aspra polemica perché il suo giornale incassava i finanziamenti pubblici.

All'origine della viralità dello scandalo ci sarebbero i 140 caratteri di una tal Noemi, account fake con più di 50mila seguaci che rilanciò la bufala.

Il profilo, raccontano i quotidiani, poi sparì e la sua fake news fu successivamente scoperta dal blogger David Puente.

"Brianwarning" il 21 gennaio 2016 rilanciava invece un post italiano che si interrogava sull'eventuale uscita dall'Ue della Gran Bretagna dopo il referendum. Al contenuto, relativamente neutro, erano collegati profili spiccatamente politici e vicini all'area M5s.

Tra gli altri: Gianluigi Paragone, oggi senatore M5s; @soqquadroM (che ha sostenuto Foa alla Rai); e infine un nome in codice Elena07617349, ora cancellato, ma fino a primavera 2017 associato a contenuti Twitter contro Obama, contro Matteo Renzi, contro gli sbarchi.

Elena inizialmente si esprimeva in inglese, per poi passare all'italiano. Una strana connessione. Sempre di Elena07617349 si trovano molti dialoghi in italiano con 123stoka #iostoconsalvini.

Nulla lascia al momento pensare che in questa faccenda c'entrino i dirigenti italiani dei partiti in questione: dai documenti emersi non c'è nessun segno di eventuali richieste di aiuto a Mosca, mentre ci sono evidenti segnali della volontà dei troll di sostenere il populismo in Italia.

La ricostruzione della rete di propaganda a firma russa arriva a due giorni di distanza dalla scoperta, da parte di Facebook, di un tentativo di influenzare le elezioni di medio termine Usa del prossimo novembre attraverso account falsi che rilanciavano temi caldi per influenzare l'opinione pubblica americana.

Uno scandalo che ha portato alla chiusura di otto pagine, 17 profili e sette account Instagram non autentici. E che arriva a pochi mesi dalla vicenda di Cambridge Analytica.

(Unioneonline/v.l.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

13 commenti

  • Kaligola 06/08/2018 15:42:07

    A portare voti a 5S e Lega è stato unicamente il malgoverno del PD. Non certo i twits sovietici. La gente i conti se li fa ogni giorno sulle proprie tasche, se ne frega di Twitter. Ma chi vuole arrampicarsi sugli specchi continui pure a farlo.
  • user219087 03/08/2018 08:14:39

    Confermo pienamente durand10 ci Hanno pensato da soli i vari del passato non c´e´stato sicuramente bisogno die troll russi hahahaha proprio non soportano l idea di non essere nella sala comando e ancora a dispensare le regole per combattere la disoccupazione e far uscire dalla crisi l´Italia ,sono stati 6 anni al governo in modo clandestino cioe´non votati non Hanno combinato nulla di buono se non aumentare le tasse erenderci piu´poveri ed ora dispensano consigli
  • dadaolta 02/08/2018 23:05:56

    Vladimir!!! Mi spiace ma i tuoi "troll" e "spin doctor" non hanno più lo smalto Kgb di una volta! Alle ultime politiche, qui in Sardinia, hanno scordato barbinamente di mandare "tweet" ad almeno cinque "gattini da tastiera" bonaccioni e "naïve ", tutti facilmente raggirabili e manipolabili: "nopagopagu", "idiot", "0,00", "sardina", "fiatlux"! Non si possono perdere così cinque voti sicuri per Di Maio e Salvini! Vergognaaa! :-)))))))))))
  • dadaolta 02/08/2018 22:22:56

    "HANNO STATI PUTIN, SALVINI e GRILLO!!!" Il Pd ha perso le elezioni per colpa dei troll russi, non di Napolitano, Monti, Letta, Renzi e Gentiloni! #russiacancello :-)))))))))))))))))))))))))))))))))
  • shellerau 02/08/2018 21:52:08

    ok... siamo tutti pericolosissimi troll...oppure è fastidioso quando il governo risponde alle richieste degli elettori? qualcuno forse cerca giustificazioni x le fesserie che ha compiuto e che alle votazioni sono tornate indietro come un boomerang? ABBIAMO UN GOVERNO...FATEVENE UNA RAGIONE
  • diavoletta80 02/08/2018 18:44:35

    Tanto avrebbero vinTo lo stesso....forZa Salvini!!!!
  • user240269 02/08/2018 18:26:47

    EnterSardman? Sardman ma de cali banda? Ma le fabbriche di trolls per difendere la controparte indifendibile sono diffusissime nel resto del mondo?
  • user240269 02/08/2018 18:19:01

    Idiotshunter, ti piace vincere facile?
  • maman-ti 02/08/2018 18:13:41

    Una tempistica mica male questa di Five Thirthy Eight...il M5S che riceve messaggi a suo favore dai troll della Santa Madre Russia è davvero commovente, quasi come il tentativo di sperare in un implosione di consensi verso i pentastellati...poveracci.
  • durand10 02/08/2018 17:51:42

    State sereni. Se mai ci fosse stato l'aiuto dei troll russi sarebbe stato più che superfluo. Le opere di Renzi, Boschi, Gentiloni e madama Boldrini sono state più che sufficienti per portare all'exploit elettorale le attuali forze politiche al governo.