Cronaca » Sorso

Acque sarde, Legambiente:
"Sette i punti inquinati"

Martedì 03 Luglio alle 12:55 - ultimo aggiornamento alle 14:37


La barca di Goletta Verde

Cinque spiagge della Sardegna sono "fortemente inquinate", altre due "inquinate": è il bilancio del monitoraggio svolto lungo le coste dell'Isola dalla squadra dei tecnici di Goletta Verde, la consueta campagna di Legambiente dedicata all'informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane.

Sono 29 in totale i punti monitorati da Goletta Verde. Quelli fortemente inquinati - ovvero con cariche batteriche molto elevate e valori che superano di oltre il doppio quelli consentiti dalla norma - sono i seguenti:

- Alghero (provincia di Sassari): località San Giovanni. Il punto è la foce del corso d'acqua nei pressi di via Garibaldi, dove è stato riscontrato forte odore di zolfo.

- Sorso (provincia di Sassari): la foce del fiume Silis.

- Valledoria (provincia di Sassari): la foce del rio Cuggiani, a San Pietro a mare.

- Pula (provincia di Cagliari): la foce del canale vicino aella spiaggia di Santa Margherita.

- Quartu Sant'Elena (provincia di Cagliari): la foce del rio Foxi.

Due i punti che risultano "solo" inquinati, ovvero con cariche batteriche elevate e valori che superano quelli previsti dalla normativa:

- Fluminimaggiore (provincia del Sud Sardegna): la foce del Riu Mannu, in località Portixeddu

- Olbia (provincia di Sassari): la spiaggia nei pressi di via Tramontana, in località Pittulongu

Il monitoraggio è stato eseguito tra il 18 e il 21 giugno in 29 punti, 15 dei quali a mare.

Risultano tutte con valori entro i limiti le altre 22 spiagge: La Marmorata, a Santa Teresa di Gallura; Cala d'Ambra a San Teodoro; Isola Rossa a Trinità d'Agultu; Scoglio Lungo a Porto Torres; Maria Pia ad Alghero; Lu Bagnu a Castelsardo; Licucutti a Budoni; Mattaperu a Posada; Santa Maria di Orosei; la foce del rio Siniscola a Siniscola; la foce del rio Foddeddu a Tortolì e a Iscrixedda di Lotzorai; Marceddì di Terralba; lo sbocco a mare dello stagno di Corru S'Ittiri; la foce del fiume Tirso a Torre Grande, Oristano; la foce del canale di stagni di Cabras, a Marina di Torre Grande; la spiaggia fronte rio Jana a Porto Alabe, Tresnuraghes; le foci del fiume Temo e del ruscello Modolo a Bosa; la spiaggia di Porto Pino a Sant'Anna Arresi; la foce del rio Chia, vicino alla spiaggia di Su Portu a Domus De Maria; la spiaggia fronte fiume Flumendosa a Porto Coralli, Villaputzu; e la spiaggia di fronte al villaggio dei pescatori in località Giorgino, a Cagliari.

I risultati del monitoraggio: in giallo i punti inquinati, in rosso quelli fortemente inquinati, in bianco quelli con risultati entro i limiti
I risultati del monitoraggio: in giallo i punti inquinati, in rosso quelli fortemente inquinati, in bianco quelli con risultati entro i limiti

Sono in particolare i fiumi, spiegano i tecnici di Legambiente, a riversare in mare scarichi non depurati che rischiano fortemente di compromettere la qualità delle acque marine nei tratti di costa presi in considerazione, con conseguenze "non soltanto per l'ecosistema marino ma anche per la salute dei bagnanti".

"Ancora oggi - denuncia il direttore nazionale di Legambiente Giorgio Zampetti - a 37 anni dall'approvazione della direttiva europea sulla depurazione, soprattutto attraverso fiumi, fossi e canali, riscontriamo la presenza di inquinamento da mancata depurazione o per la presenza di scarichi abusivi che minacciano la salute del mare e dei bagnanti".

Spesso, continua Zampetti, "alla base dell'inquinamento ci sono scarichi illegali o depuratori non conformi".

Annalisa Colombu, presidente di Legambiente Sardegna, punta il dito anche contro le gravi carenze nella cartellonistica: "In nessuno dei 29 punti monitorati è stata riscontrata la presenza della cartellonistica informativa sulle condizioni del mare, i rischi da inquinamento e la qualità delle acqua, obbligatoria per legge da anni e a carico dei comuni costieri".

(Unioneonline/L)

LE IMMAGINI DEI PUNTI PIÙ:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

18 commenti

  • Barroso 05/07/2018 14:23:17

    Trovo allucinante l'assegnazione ormai quasi puntuale in tutti questi anni della bandiera blu a Torregrande, nonostante sia evidente ai suoi frequentatori la presenza di vari porto industriale, porticciolo, scarico degli stagni, allevamenti di mitili, e pesci nel golfo e soprattutto lo scarico del più grande fiume della Sardegna. Andateci i giorni che il vento non sia maestrale e vedrete il vero colore dell'acqua del meraviglioso golfo. Non fate il mio stesso errore , scappate da questa cloaca.
  • alexander5 04/07/2018 11:01:37

    dimoniu 79 e tutti gli espertoni con laurea in scienze naturali...andatevi a cercare su un qualsiasi motore di ricerca le parole "esperti del CERN" "bonifiche" e "Teulada" e poi leggete...notare bene: "esperti del CERN"...quindi analisi di personale esterno
  • bernarda 04/07/2018 10:43:00

    mi chiedevo se questi stanno denunciando una "mancanza di servizi" che cadono in testa a enti regionali, per i quali ci si aspetterebbero dei provvedimenti, oppure sono proprio da questi ingaggiati per evidenziare situazioni da finanziare "in regime" di urgenza. I soliti giochi "intelligenti" di una certa politica
  • deronwill 04/07/2018 10:34:44

    potenziare i depuratori sul rio foxi, considerando che lo schifo poi sbocca nel golfo degli angeli, proprio non viene contemplata come idea.
  • bernarda 04/07/2018 10:30:17

    ogni tanto questi sfaccendati di goletta verde stilano classifiche dei buoni o dei cattivi a seconda di chi li finanzia. La cosa curiosa è che, stranamente il tutto accade a giugno - luglio di ogni anno come se l'inquinamento no esistesse nel mese di novembre - aprile. Questi movimenti hanno, purtroppo, troppo spazio sui giornali per dire cosse di cui tutti siamo a conoscenza ma lo fanno con malizia per governare altri mercati.
  • Brent 04/07/2018 10:20:11

    Si va bene però se fate i prelievi alla foce del fiume è normale che l'acqua è inquinata cosa c'entra la spiaggia
  • krazykasu 04/07/2018 08:11:19

    Otto, se aggiungiamo Legambiente con i suoi rilievi dilettanteschi e assolutamente inattendibili.
  • abtzsnnu 04/07/2018 07:50:03

    Alexander5, ma ci sei mai stato da quelle parti? O parli solo per sentito dire...hai mai visto quelle zone? Sono fra le piu belle e pulite della Sardegna....
  • meri11 04/07/2018 00:59:39

    E un cartello vietato fare il bagno, no?
  • cicciobello7 03/07/2018 23:49:41

    Ho visto un'officina meccanica che butta l'olio nella fogna. Dove si puo' denunciare ?