Cronaca » Cagliari

Cagliari, al "Pacinotti" spunta il decalogo sul look per gli esami di maturità

Giovedì 07 Giugno alle 15:46 - ultimo aggiornamento alle 20:09


L'incresso del liceo "Pacinotti" di Cagliari

L'esame di maturità si avvicina e anche quest'anno il liceo "Pacinotti" di Cagliari detta ai maturandi le regole da seguire per avere il vestiario giusto da esibire davanti alla commissione esaminatrice.

Vietati quindi canottiere, minigonne, infradito. Ma anche cappellini e bermuda e pantaloncini, perché, come dice la preside Valentina Savona ai microfoni di Videolina, la scuola non è una spiaggia: "Il nostro è solo un consiglio su come porsi davanti a chi dovrà giudicare i nostri ragazzi. Anche se, a dire il vero, i nostri giovani maturandi hanno più buonsenso di quanto generalmente si possa immaginare e quindi anche se le mode sono indiscutibilmente cambiate, sappiamo che verranno vestiti giustamente per l'occasione".

La notizia, riportata sulla prima pagina del nostro quotidiano, fa discutere i lettori, anche se gli studenti del "Pacinotti" hanno accettato di buon grado l'invito.

A rivelarlo è Videolina: "Giusto", dice secco un ragazzo; "Anche se l'abito non fa il monaco, è giusto che in determinate occasioni si cerchi di fare una buona prima impressione", fa eco un altro studente.

(Unioneonline/DC)

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

DITE LA VOSTRA:

 
Cagliari, vietati pantaloncini e minigonne alla maturità. Che ne pensate?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • nopagoafitto 08/06/2018 10:48:09

    Bei tempi quelli in cui un genitore era autonomamente in grado di far capire certe cose ai propri figli senza che ci fosse il bisogno di interventi esterni. Ricordo ancora per esempio quando era considerata una forma di rispetto quella di togliersi cappelli e occhiali da sole quando si entrava in un luogo chiuso. Ora invece anche in pizzeria capita di vedere simpatici ragazzi che mangiano indossando berretto e ray ban.
  • el_fuser 07/06/2018 22:25:07

    È ovvio che la preside ha ragione ed è altrettanto ovvio che a scuola ci si dovrebbe presentare vestiti in maniera decente tutto l'anno scolastico. E invece le aule sono piene di studenti in bermuda e canottierina e di studentesse in short e con gambe e pancia ampiamente scoperte. A quanto pare ai genitori non sembra strano.
  • user218890 07/06/2018 20:32:16

    Sarebbe bello ritornare alla divisa, segno di distinzione e di appartenenza all'Istituto e provvedano a ciò le istituzioni se la famiglia non se lo può permettere. Forse così debelleremo il bullismo
  • user213585 07/06/2018 19:19:07

    Cara Unione Sarda. La preside del liceo di Carbonia, 17 anni fa, impose il divieto di simile vestiario a tutti a prescindere dall'esame di maturità; unitamente ad altri divieti oltremodo smisurati. Sembra che il Pacinotti di Cagliari venga osannato come primo anche in questo caso.
  • minzega 07/06/2018 18:44:16

    il decalogo come in chiesa
  • user219208 07/06/2018 17:40:18

    Assolutamente d'accordo con la Preside. Anzi, dovrebbero renderlo obbligatorio e in tutte le scuole!
  • MORESCHINI 07/06/2018 17:29:55

    Questo decalogo dovrebbe essere valido per tutte le scuole del paese , non solo per il Pacinotti di Cagliari . Non dovrebbero essere ammessi agli esami anche gli studenti con vistosi tatuaggi o percing : questi dovrebbero essere esami di "maturità" !!! Edo