Cronaca » Iglesias

Dramma della povertà a Iglesias, l'appello ai candidati: "Creiamo una rete"

Venerdì 25 Maggio alle 20:51


Pacchi di cibo

L'emergenza povertà, l'assenza di lavoro, il disagio sociale. Sono temi che continuano a essere di drammatica attualità a Iglesias. Parrocchie e associazioni di volontariato fanno i conti quotidianamente con le pressanti richieste d'aiuto di padri e madri di famiglia, giovani e anziani che fanno fatica a sopravvivere.

Ecco perché chiedono ai cinque candidati in corsa per la carica di sindaco di mettere al centro del programma quest'emergenza. Senza dimenticare un'altra richiesta: la creazione di una rete, un rapporto di stretta collaborazione per individuare i casi di reale necessità e non disperdere le poche risorse.

"Ricevo quotidianamente richieste, anche messaggi sul cellulare", conferma don Giorgio Fois, parroco di San Pio X, dove vengono aiutate circa 200 famiglie. La creazione di una collaborazione stretta, una rete che metta insieme associazioni e Comune, è considerata indispensabile anche per distinguere i casi del bisogno vero. "Per non disperdere le risorse e correre il rischio di aiutare chi non ha necessità", rimarca Giacomo Orrù, che sta per finire il suo mandato da conservatore dell'Arciconfraternita del Santo Monte, sodalizio che assiste in media 150 persone.

Punti che a tutti i candidati (Carlo Murru; Federico Garau; Mauro Usai; Valentina Pistis e Asmaa Oug) viene chiesto di prendere in considerazione nei loro programmi.

Cinzia Simbula

IL VIDEO:

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • Ribelle64 26/05/2018 08:38:34

    "....e correre il rischio di aiutare chi non ha necessità"..ecco perfetto!.. questo è il vero problema..i veri poveri non si vedono, o si vedono poco..gli altri, tanti,troppi, fanno finta di esserlo..per comodità,interesse, opportunismo,clientelismo,nullafacenza..
  • BOB66 26/05/2018 08:09:17

    Comunque la Regione Sardegna ha lasciato i poveri allo sbaraglio !!!! Magari un reditto di cittadinanza puo cambiare le sorti di queste famiglie SFORTUNATE !!! Certo che chi ha la pancia piena se ne frega dei Poveri !!Ma sono i poveri che gli hanno votati !!Comunque il sistema in sardegna deve cambiare !!Troppo BIGOTTI!!
  • user213585 25/05/2018 22:18:27

    I poveri non vivono solo in città.