Cronaca » Provincia di Caltanissetta

Sicilia, Montante respinge tutte le accuse: "Quelle carte riservate in casa a mia insaputa"

Mercoledì 16 Maggio alle 07:53 - ultimo aggiornamento alle 17:11


Antonello Montante

È terminato solo nella tarda serata di ieri l'interrogatorio fiume ad Antonello Montante, l'imprenditore arrestato con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, che ieri pomeriggio si è presentato davanti al gip Maria Carmela Giannazzo.

Un interrogatorio durato circa sette ore al Palazzo di giustizia di Caltanissetta, dove Montante è stato accompagnato dai suoi legali, gli avvocati Nino Caleca e Giuseppe Panepinto.

Presenti all'interrogatorio anche il Procuratore capo Amedeo Bertone e i pm che coordinano l'inchiesta.

LA DIFESA - Come si apprende, Montante avrebbe respinto tutte le accuse a suo carico, attaccando i suoi più grandi accusatori, gli imprenditori Marco Venturi e Alfonso Ciceri, sostenendo la loro "inattendibilità". Non solo. Quando il gip gli ha chiesto perché tenesse un caveau nella sua abitazione di Serradifalco contenente diversi dossier su politici, imprenditori e giornalisti, Montante avrebbe detto che quella stanza fosse lì a sua insaputa.

Ha più volte ribadito di avere "sposato" le istituzioni temendo che adesso "Cosa nostra me la farà pagare". "Ho stravolto la mia vita - ha detto - e sono sicuro che non posso più tornare indietro". "Io non ho mai avuto vantaggi, né appalti, né finanziamenti", ha continuato a ripetere ai magistrati.

LE ACCUSE - Secondo l'accusa, Montante avrebbe creato una rete di 'spionaggio' formata da un generale dei Carabinieri, un colonnello, un maggiore della Finanza ma anche da poliziotti, che lo avrebbero aggiornato sulle indagini sul suo conto. Ma l'imprenditore nega e parla di "rapporti istituzionali".

(Unioneonline/s.a.)

L'ARRESTO:

 
antonello montante
In manette l'ex presidente di Confindustria Sicilia. Sotto inchiesta anche Schifani

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • gradisar 16/05/2018 15:36:02

    Sarà la stessa impresa che fece la casa a Scajola. Le saranno avanzati un po' di calce e mattoni e sai com'è...per non buttarli....
  • be 16/05/2018 12:52:07

    gli hanno fatto una stanza a sua insaputa cose da pazzi forse era in ferie e sono entrati i muratori